Post

TRA SIMBOLISMO E FUTURISMO. Gaetano Previati

Immagine
In occasione del centenario della morte di Gaetano Previati, Ferrara, città natale di del pittore, gli rende omaggio con una mostra curata da Chiara Vorrasi ed organizzata dalla Fondazione Ferrara Arte e dalle Gallerie d’Arte Moderna e Contemporanea, che dell’artista conservano un vasto fondo di dipinti e opere su carta.


La rassegna - che si terrà al Castello Estiense dall'8 febbraio al 7 giugno 2020 - presenta al pubblico più di sessanta opere, accostando olii, pastelli e disegni delle collezioni civiche ferraresi (circa trentacinque) ad un notevole nucleo di opere concesse in prestito da collezioni pubbliche e private. Completano la selezione alcuni importanti documenti inediti.
L’esposizione vuole evidenziare la tensione costante nella ricerca di Previati verso il superamento dei tradizionali confini della pittura “da cavalletto”, intesa come mezzo espressivo, come codice visivo o ancora come modalità di interazione con il pubblico. Affascinato dall’espressione dei sentimenti e d…

Bongiovanni Radice Una pittura borghese.

Immagine
Dal 29 gennaio al 27 marzo 2020, la Fondazione Adolfo Pini presenta la mostra Bongiovanni Radice Una pittura borghese. Per la prima volta, nello spazio al piano terra della Fondazione saranno esposti, in una veste insolita, i lavori pittorici dell’artista, la cui valorizzazione rappresenta uno degli scopi principali dell’Ente.
Renzo Bongiovanni Radice (1899-1970), zio materno di Adolfo Pini, visse e lavorò nell’elegante palazzina di fine Ottocento in corso Garibaldi 2, dove il nipote diede vita alla Fondazione Adolfo Pini anche con l’obiettivo di promuovere l’arte in tutte le sue forme, attraverso studi, esposizioni e il sostegno a giovani artisti emergenti.
Le opere in mostra raccontano la carriera pittorica e l’anima di Bongiovanni Radice, dal ventennio del Novecento fino agli ultimi anni della sua produzione artistica (1970). I cinquant’anni in cui si dipana la sua vicenda sono probabilmente tra i più vulcanici di tutta la storia dell’arte, ma Bongiovanni persegue la sua strada in so…

Naoya Takahara – остранение

Immagine
L’Accademia di Belle Arti di Macerata è lieta di annunciare остранение, un’importante antologica di Naoya Takahara che si terrà negli spazi della GABA.MC – Galleria dell’Accademia di Belle Arti di Macerata, in Piazza Vittorio Veneto 7, dal 24 gennaio al 20 marzo 2020.
Spiazzamento, disorientamento e sabotaggio sono tre possibili parole (tre possibili spazi di pensiero) che caratterizzano e sintetizzano l’opera di Naoya Takahara. Artista originario di Ehime ma profondamente legato all’Italia, Takahara vede al centro della propria ricerca l’attenzione per i meccanismi poetici dell’остранение (ostranenie), ossia dello straniamento che, ribaltando la consueta osservazione della realtà, secondo un punto di vista inusuale, così come concepito da Šklovskij nel 1916, «sottopone lo spettatore a una serie di sollecitazioni visive che rispecchiano la volontà di produrre illusioni, di stuzzicare lo sguardo per fuorviarlo e meravigliarlo» (Tolve). All’interno di questa riflessione prende corpo l’an…

Showcase a Rossocinabro

Immagine
Curata da Joe Hansen, SHOWCASE è la mostra d'arte contemporanea che verrà presentata a Rossocinabro dal 13 al 31 Gennaio 2020 con lavori degli artisti: Adda Florie, Janice Alamanou, Brian Avadka Colez,  Marco Azario, Frank Briffa, Udi Cassirer, Wendy Cohen, Benny De Grove,  Onno Dröge, Judy Filipich,  Stephan Fischnaller, Mark Goodwin, Yvon Jolivet, Heidi Kaas, Ksenia Koloskova, Karl Weiming Lu, M., Yellena Mazin, Bianca Neagu, Ann Palmer, Ludwika Pilat, Sal Ponce Enrile, Irena Procházková, Rapisarda Daniela, Anna Reber, Joakim Sederholm, Merja Simberg, Christine Stettner, Taka & Megu, Petra Tiemann, HowardArthur Tweedie, Astrid Ufkes, Katja van de Bogaert, Stéphane Vereecken, Diana Wahlborg, Xingzi, Mike Yang.
Le opere presentate spaziano dalla pittura, alla fotografia, alla scultura e alla tecnica mista. Molte sono opere inedite, presentate per la prima volta al pubblico romano in occasione di questa mostra collettiva. Siamo pienamente convinti che l'arte e la cultura mig…

Il diario sottovoce di Edi Brancolini

Immagine
La Galleria Comunale d’Arte contemporanea L’Ottagono di Bibbiano (RE) ospita, dal 4 al 26 gennaio 2020, “ Un diario sottovoce”, la personale del pittore Edi Brancolini. L’inaugurazione si terrà sabato 4 gennaio alle ore 17 (Piazza Damiano Chiesa, angolo Via A. Gramsci) con la presentazione del curatore Silvio Panini.
Edi Brancolini è un pittore del profondo e del mistero, ma le immagini che porta in luce hanno una loro esplicita chiarezza, sottolineata da un segno pittorico estremamente puntuale e fortemente narrativo. Con il lavoro di Edi Brancolini si può parlare sia della messa a punto del fondo della tela alla maniera degli antichi, sia del disegno preparatorio di grande maestria, che della stesura cromatica meditata e sensuale. Non è tanto un pittore citazionista, ma piuttosto un maestro del colore che guarda alla tradizione e che utilizza le tipologie iconografiche della classicità rinascimentale per inscenare la rappresentazione degli interrogativi che emergono dallo scandalo d…

Lettera agli artisti for Rojava.

Immagine
Questa lettera è un appello, una chiamata. Nasce dall’atto istintivo di rispondere alla richiesta di aiuto delle università del Rojava e di Kobane a difesa della comunità curda, della resistenza di un popolo coraggioso e della sua esperienza di democrazia radicale, ancora sotto il brutale attacco dell’esercito di Erdogan. 
Parte da un collettivo, “Artists for Rojava”, spinto spontaneamente da un gesto creativo, una scritta di 25 metri sulla sabbia di una spiaggia, a Barletta: “Save Rojava”. Sta diventando un progetto, un’esperienza di solidarietà attiva, un atto corale di artisti e artiste di vari orientamenti e categorie, che donano una propria opera per l’allestimento di una mostra e di un’asta, i cui proventi andranno alla comunità curda, direttamente e attivamente coinvolta in ogni fase del progetto Artists for Rojava. Il progetto avrà sede nella città di Bari, all’interno di spazi pubblici e universitari, e si arricchirà di dibattiti, incontri, performances musicali, scambi e inco…

Alchemy in blue - a dialogue around the form

Immagine
L’associazione culturale Officina 15 con il patrocinio del Comune di Castiglione dei Pepoli, ospiterà negli spazi della propria sede, dal 24 Dicembre all’8 Febbraio 2020 la mostra “Alchemy in blue - a dialogue around the form” pensata per mettere in relazione l’operato del designer bolognese Matteo Giannerini (1977) con l’artista reggiano Matteo Messori (1992) - entrambe le ricerche: gli oggetti d’arredo “Mine” del primo e le tele pittoriche “Antiforme” del secondo - riflettono, seppur in maniera antitetica come le rispettive discipline comportano, su un tema profondo, complesso ed eternamente attuale come la forma. 
La mostra fa parte del progetto artOFF, un progetto di promozione artistica nato all’interno dell’associazione culturale Officina15 che ha l’intento di avvicinare e sensibilizzare la comunità e il territorio dell’Appenino nei confronti dell’arte e della fruizione delle opere. E come si evince dal testo che accompagna la mostra: “Il design e la pittura sono due linguaggi ch…