Post

Il nuovo Grande Bailo si arricchisce

Immagine
Il nuovo Grande Bailo si arricchisce di 4 sale dedicate ad Alberto Martini, Nino Springolo, Lino Selvatico e Giovanni Barbisan . Comunicato Stampa Il nuovo Bailo si allarga. Al percorso museale già esistente si aggiungono 4 nuove sale, riservate ad altrettanti protagonisti della pittura veneta del Novecento: Alberto Martini, Nino Springolo, Lino Selvatico e Giovanni Barbisan. “Il nostro intento è quello – evidenziano il sindaco Mario Conte e l’assessore alla cultura Lavinia Colonna Preti – di presentare, con un nucleo attentamente selezionato di opere, 4 artisti che nel precedente ordinamento venivano solo “accennati”, a cominciare dall’ “altro Martini”, l’opitergino Alberto. Artista straordinario per capacità tecnica e visionarietà, uno dei maggiori artisti italiani dello scorso secolo, il simbolista italiano per eccellenza. Per l’allestimento della nuova Sala Alberto Martini abbiamo chiesto, e generosamente ottenuto, la collaborazione del Comune di Oderzo e della Fondazione Oderzo

Ian Davenport con Mirrors espone alla Galleria Luca Tommasi di Milano.

Immagine
Dal 26 novembre 2022 al 28 gennaio 2023 la Galleria Luca Tommasi presenta la mostra personale dell'artista britannico Ian Davenport dal titolo Mirrors che riunisce un’inedita serie di dipinti su alluminio e opere su carta.  " Per la sua nuova mostra - scrive Lorand Hegyi - l’artista ha lavorato sui concetti di riflessione e simmetria realizzando vibranti superfici pittoriche dove ritmate colature si fondono in seducenti pozzanghere di colore al fondo del dipinto. Davenport è stato ispirato dal lockdown globale, durante il quale ci sono stati imposti momenti di quiete e solitudine: “Poco prima che scoppiasse la pandemia nel marzo 2020, ho iniziato a realizzare alcuni nuovi dipinti nel mio studio che esploravano l’idea di simmetria e specchiamento.  I dipinti sono divisi verticalmente nella parte centrale in sequenze di colori che, partendo dal centro, si propagano specularmente ai due lati del dipinto. Per questo li ho chiamati Mirror Paintings. Questa idea di specchiamento

Gianfranco Meggiato. Il respiro della forma

Immagine
“ Gianfranco Meggiato. Il respiro della forma ” è il titolo della importante rassegna che il Comune di Pisa ospita fino al 4 dicembre nel centro storico della città e nella suggestiva Chiesa di Santa Maria della Spina .   La mostra, promossa dal Comune di Pisa, con il patrocino della Regione Toscana è organizzata dall’associazione culturale C.R.A. (Centro Raccolta Arte) , in collaborazione con Casa d’Arte San Lorenzo . L’esposizione, curata da Riccardo Ferrucci e Alessandro Romanini , offre l’occasione per visitare le meraviglie del Centro storico di Pisa, scoprendo nel contempo l'arte di Gianfranco Meggiato. E quindi "L’uomo Quantico",  in Piazza dei Cavalieri; "Sfera Quantica", nella chiesa di Santa Maria della Spina, Lungarno Gambacorti; "Lo Specchio dell’Assoluto", in Piazza dei Miracoli; "Oltre", presso la chiesa di San Paolo a Ripa d’Arno; "Triade",  in Via S. Maria – Piazza Cavallotti; "Cubo con Cubo", in Piazza San

Alessandro Zannier - Iper oggetti

Immagine
Nell’ultimo periodo c’è tutta una generazione di artisti che si riconoscono nel movimento denominato “ Arte Etica ” e che rappresenta la riabilitazione e il mantenimento di una ragione sociale, di un idea del lavoro artistico come quotidianità, dove l’arte ascolta e produce per una maggiore sensibilità della vita. Come cammino e visione del futuro, nella necessità di affrontare la complessità del reale elaborando nuove concetti e nuovi linguaggi. Questi artisti assemblano il loro essere e vivere in questa società contemporanea piena di contraddizioni e di cambiamenti sociali in atto. Ne leggono e ne interpretano le valenze politiche, e come sempre elaborano il loro linguaggio espressivo per cercare soluzioni, per dare risposte o comunque denunciare quello che gli altri non vedono. Tra questi artisti si distacca la figura poliedrica di Alessandro Zannier artista concettuale che lavora con musica e arti visive, tra fisica, ambiente e big data con opere e concerti dal taglio multimediale

Apocalittici e Integrati

Immagine
Ispirato ad un saggio di Umberto Eco sulla  comunicazione di massa l'evento " Apocalittici e Integrati " [dal 19 Novembre al 20 Dicembre 2022, negli spazi della Pinacoteca Michele de Napoli in Terlizzi (BA)]  è curato dall'artista Loredana Cacucciolo e si avvale di un testo critico di Giorgio Bertozzi . Gli artisti invitati ad interpretare il tema sono (oltre alla stessa curatrice) sono: Maria Bonaduce, Carmelo Cotroneo, Marco Cotroneo, Pasquale Gustamacchia, Pietro Mastrota, Giovanni Morgese, Gabriga Pellegrini, Mario Pugliese, Pino Spadavecchia, Vincenza Spiridione, Antonio Sette, Emre Yusufi, Mauro Tersigni, Vittorio Valente e Valter Vari . L'inaugurazione si terrà alle ore 17:30 del 19 Novembre alla presenza del Sindaco del Comune di Terlizzi, Dott. De Chirico Michelangelo ; dell' Assessore alla Cultura, Prof.ssa Rutigliani Ornella ; della Prof.ssa D’Agostino Marisa ,  presidente degli Amici della Fondazione E. Pomarici  Santomasi di Gravina in Puglia; 

Giovanni Melarangelo (1903-1978): l’artista e i suoi percorsi

Immagine
Giovanni Melarangelo (1903-1978): l’artista e i suoi percorsi, è il titolo della mostra  in corso a Teramo, fino al 14 novembre 2022, al Laboratorio per l’Arte Contemporanea – L’Arca.   Curata  da Paolo Coen e organizzata grazie a supporto del Comune di Teramo con la collaborazione scientifica del Dipartimento di Comunicazione dell’Università di Teramo la mostra presenta oltre 50 opere fra tele, gouache, disegni e stampe dell'artista teramano. Giovedì 3 novembre alle ore 18 è in programma Pittura vivente. La poetica di Giovanni Melarangelo attraverso la musica e la danza, a cura di Paola Besutti per la musica e di Nika Tomasevic per la danza, si contraddistingue per la successione di tre linguaggi diversi l’uno dall’altro, eppure capaci di condividere lo stesso spazio, lo spazio dell’arte, nel nome della qualità estetica e del rispetto reciproco. I tre momenti performativi e musicali spaziano dal concettuale all’hip hop, passando attraverso il classico e si svolgono direttamente

PRIMARIEINTENZIONI di Stefano Paulon in mostra a MADE4ART

Immagine
MADE4ART presenta dal 3 al 16 novembre presso la propria sede nel cuore di Brera, il quartiere dell’arte nel centro di Milano, un’esposizione di opere inedite dell’artista Stefano Paulon , un progetto a cura di Vittorio Schieroni ed Elena Amodeo , dal titolo  PRIMARIEINTENZIONI . Fin dalle origini l’essere umano ha cercato, assecondando il suo innato senso di esprimersi, di razionalizzare geometricamente le forme che osserva in natura. Il cemento, nell’essenzialità e nel rigore della materia, scabra e monocroma eppure dall’intensa carica espressiva, densa e impenetrabile come un enigma, è protagonista di questi lavori presentati allo sguardo senza ricorrere a sovrastrutture e abbellimenti superflui: opere che comunicano all’osservatore esclusivamente attraverso se stesse, mettendo a nudo il reale che ci circonda. Talvolta fissato su una struttura lignea e accompagnato dalla presenza di pigmenti blu e oro, questo materiale è impiegato dall’Artista per dare vita ad altari minimali cap

Claudia De Luca - La verità delle rose tardive

Immagine
Fino al 12 novembre Claudia De Luca sarà presente a Venezia presso artespaziotempo con la mostra “ La verità delle rose tardive ” a cura di Elisabetta Mero . Terza tappa di un ciclo di esposizioni tra Milano e Venezia, il progetto risulta un punto di approdo di una ricerca personale dell’artista indirizzata verso una rinascita raccontata e vissuta attraverso la sua pratica. " Ho pensato di chiudere questa triade espositiva ritornando nel luogo dove tutto è iniziato: il luogo della ferita e della tenerezza che inganna. Ho continuato il cammino approdando nel ristoro e nella quiete delle camere dello scirocco, nella Basilica di San Celso a Milano, per terminare il mio percorso in un giardino immaginato, dove dal nero e dal bianco esplodono colori come il blue e l’oro, grazie all’uso di pigmenti puri che brillano come lampi di luce – afferma Claudia De Luca - Sarà come una danza, da me definita “danza obliqua”, che ruoterà come un vento intorno a tutti noi evitando di farci scivola

Progettare il catalogo di una mostra d'arte

Immagine
Dal 7 novembre al 16 dicembre 2022 la School for Curatorial Venice terrà un corso online sulla ideazione e progettazione del catalogo di una mostra d'arte . Il corso ha come scopo quello di fornire tutti quegli elementi indispensabili a costruire la pubblicazione che accompagna una mostra, in un percorso che esamina le varie fasi e le figure professionali coinvolte nella sua realizzazione. Un processo delicato caratterizzato da numerose sfaccettature che il workshop presenta e analizza in modo da offrire le competenze adeguate per affrontare un lavoro editoriale in un’istituzione pubblica o privata. I solidi strumenti forniti dal workshop permettono di sviluppare la capacità di saper fronteggiare gli aspetti pratici che questo lavoro richiede. Un percorso che punta sull’apprendimento attraverso la pratica e prevede nell’ambito delle ore a disposizione diversi esercizi e ricerche da presentare in classe. Ai partecipanti sono forniti gli strumenti necessari per poter operare con pro

Diciottesima edizione della Giornata del Contemporaneo

Immagine
Sabato 8 ottobre 2022 si svolgerà la diciottesima edizione della Giornata del Contemporaneo , la diffusa manifestazione promossa da AMACI – Associazione dei Musei d’Arte Contemporanea Italiani e realizzata con il sostegno della Direzione Generale Creatività Contemporanea del Ministero della Cultura  e la collaborazione della Direzione Generale per la Diplomazia Pubblica e Culturale del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale. La grande manifestazione torna a ottobre, coinvolgendo - finalmente - in presenza musei, fondazioni, istituzioni pubbliche e private, gallerie, studi e spazi d’artista con l’intenzione di raccontare la rinata vitalità dell’arte contemporanea nel nostro Paese e ha come troi d'union il tema dell’ecologia connesso a quello della sostenibilità. Per dare forma visiva a questa riflessione, i Direttori e le Direttrici dei musei associati hanno inteso affidare a Giorgio Andreotta Calò (Venezia, 1979) la creazione dell’immagine-guida della ma