Carla Moscatelli – Il paesaggio e la sua anima

La pittrice toscana Carla Moscatelli, con il suo inconfondibile stile di “realismo poetico” ritorna nel Museo Archeologico del Portus Scabris nel comune di Scarlino vicino al nuovo e prestigioso Porto con la produzione degli ultimi mesi. 

La mostra, Il paesaggio e la sua animain un continuo dialogo con i manufatti antichi esposti nel Museo, vuole rappresentare un viaggio interiore guidato dalla luce e dai fenomeni atmosferici come la neve e la nebbia, che per la loro natura tutto coprono e contemporaneamente sottolineano l’essenziale. Il tempo fisico diventa un pretesto per indagare sui sentimenti, sulla solitudine in una sorta di introspezione psicologica e la luce dà vita a comunità rappresentate da edifici immersi nel risveglio dell’alba o infuocati dal tramonto. E nel dipingere la Maremma e Firenze su tele lavorate ad olio ecco che presenta ciò che lei chiama “la sua gente” l’anima della Maremma coloro che hanno definito questa terra così amara: dai contadini ai minatori passando per Norma Pratelli; ritratti dell’anima della Maremma lavorati a carboncino e acrilico su cartone. 

La mostra, inserita negli eventi estivi del Comune di Scarlino, si svolgerà dal 12 al 18 agosto con l'orario giornaliero del museo e la sera l'esposizione sarà visibile con la presenza dell'artista dalle ore 21,00 alle ore 24,00. 



Carla Moscatelli, nata a Roccastrada nel 1969 vive e lavora dividendosi tra Firenze e Follonica. Tante le sue opere proposte in mostre collettive in tutta Italia e molte le sue mostre personali, in questo anno si contano la mostra a Ribolla al Museo della Miniera, Follonica all'Ex Casello Idraulico, Roccastrada al Museo della vite e del Vino.



Commenti

Post popolari in questo blog

La Forma dell’Ideologia. Praga: 1948-1989

L'età dell'innocenza nei dipinti di Claudia Giraudo alla galleria PUNTO SULL'ARTE a Varese

MIART 2019, fiera internazionale d'arte moderna e contemporanea