Scoperto il nome della modella dell' origine del mondo di Courbet

Una riuscita fotografia
che ripercorre il clamore
de "L’origine del mondo"
di Gustave Courbet.
Il settimanale francese "Paris Match" ha rivelato che, grazie ad un appassionato d'arte (appassionato de che' ??!!), si è riuscito a capire a chi appartenesse il corpo della modella dipinta da Gustave Coubert nel suo noto quadro-scandalo 'L'origine del mondo' (avete presente??!!).

Lo scandaloso dipinto di Courbet, eseguito nel 1866 e che all'epoca aveva sconvolto per il suo 'esagerato' realismo, mostra una natura femminile - è un eufemismo, n.d.r. -  in primo piano, con il corpo della donna, sdraiato su di un letto, 'tagliato' all'altezzo del seno.

L'appassionato di cui prima dicevo ha trovato un dipinto raffigurante il volto di una donna (bruna, scrivono) con la testa rivolta all' indietro e la bocca 'leggermente aperta' (di questa precisazione mi sfugge il senso....). Il settimanale fa sapere che ci son voluti circa due anni di inchieste, perizie e analisi ( le proporzioni, le tinte, la trama della tela e le dimensioni del ritratto corrispondono perfettamente alla famosa opera di Courbet e fanno con molta sicurezza pensare che il dipinto originario sia stato 'diviso' a metà) per 'sollevare il velo' e risolvere un mistero che ha affascinato fiorfior di guardoni d' arte.

Le 'indiscrezioni' hanno sempre confermato che il nome della modella del maestro del realismo francese sia stato quello di  Johanna Hiffernan (per gli amici Jo), in quegli anni amante del pittore americano James Whistler, che aveva tale considerazione e stima di Courbet, da 'prestargli' anche la propria 'materia prima'.

Jo, nei quadri del pittore americano, non ha avuto una grande fortuna e, se vogliamo, neppure in quelli di Gustave ma una parte di sè è entrata nei pensieri di milioni di individui.

Post popolari in questo blog

L’Accademia Teatro alla Scala e PINKSIE THE WHALE presentano un balletto ispirato a Pinksie, la balena rosa.

Nasce a Brescia un nuovo grande Festival di Fotografia.

Visita alla casa-studio di Sauro Cavallini