ACT I: Manifesto

L’artista Edoardo Modenese presenta per la prima volta a Milano nella galleria Amy-d Arte Spazio di Anna d’Ambrosio le proprie opere con il solo show “ACT I: MANIFESTO”. 

In mostra una serie di lavori basati su una nuova e personale interpretazione del cinetismo volta al supera-mento della bidimensionalità. L'ambiguità percettiva viene raggiunta attraverso la sovrapposizione manuale di tessuti acrilici che, grazie all’intervento dell’artista, vengono elevati a materia dell’arte. Le opere creano licenze espressive inedite superando la superficie piana e la linea, e forniscono allo spettatore sempre nuove esperienze percettive con sfumature di colori in perenne mutamento, contrasti tra tessuti morbidi e strutture rigide, attraverso un continuo alternarsi di pieni e di vuoti, luce e ombra, linearità ed estroflessioni. 

ll segreto dei suoi modulatori cromo-plastici sta nelle intenzioni del colore “dipinto” con tessuti. Nel rap-porto creato tra forme geometriche e colori cangianti, opalescenti, trasparenti, fluidi e ipnotici, l’artista dà vita ad affascinanti illusionismi cinetici da “toccare” con gli occhi. Opere non statiche ma con una propria aura, dove l’astratto diventa evocativo e dove lo spettro di colore e l’illusione di profondità insita in ognuna di esse dipende dalla prospettiva da cui vengono osservate, dall’intensità e dalla direzione della luce, rendendo ogni singola interazione un’esperienza unica. 

“Il mio lavoro è un’esplorazione spaziale” dichiara l’artista “e dà una nuova interpretazione al materiale, prendendo ispirazione dal corpo umano come forma astratta, dalla natura e dalla luce, distinguendosi per semplicità e purezza di forme, contrasti di colore e scambi di energia. Lasciare l’arte libera da ogni schema è fondamentale per non perdere la capacità di fantasticare, per stimolare l’immaginazione, la curiosità e il desiderio”.


Edoardo Modenese (1992), formatosi a Londra dove ha conseguito la laurea in Design all’Università Central Saint Martins, crea opere astratte che superano le tradizionali distinzioni tra pittura, scultura e prodotto industriale. Un’espressione artistica che è capace di straniare e disorientare lo sguardo e la mente dell’osservatore, dimostrando quanto siano complesse, imprevedibili e sorprendenti le avventure della percezione. 

Opening: 7 novembre 2019, h. 18.30 
Mostra: dal 7 al 9 novembre 2019 (h. 10.00/13.00-16.00/19.00) 
Testo critico: Jacqueline Ceresoli 


Amy-d Arte Spazio 
Via Lovanio 6 - Milano 
+39.02.654872 
M2 Moscova 
info@amyd.it 
www.amyd.it 

Press e Comunicazione 
Vittorio Schieroni 
info.vittorioschieroni@gmail.com 

Commenti

Post popolari in questo blog

La Forma dell’Ideologia. Praga: 1948-1989

L'età dell'innocenza nei dipinti di Claudia Giraudo alla galleria PUNTO SULL'ARTE a Varese

MIART 2019, fiera internazionale d'arte moderna e contemporanea