Gli Impressionisti segreti a Palazzo Bonaparte di Roma

Per celebrare l’apertura del Palazzo - che Generali Italia rende fruibile alla città di Roma e non solo, quale nuovo spazio Generali Valore Cultura - nelle meravigliose sale del piano nobile dove visse Maria Letizia Ramolino, madre di Napoleone Bonaparte, saranno esposte oltre 50 opere di artisti tra cui Monet, Renoir, Cézanne, Pissarro, Sisley, Caillebotte, Morisot, Gonzalès, Gauguin, Signac, Van Rysselberghe e Cross.

Sul Divano, Zandomeneghi
Tesori nascosti al più vasto pubblico, provenienti da collezioni private raramente accessibili e concessi eccezionalmente per questa mostra, saranno esposti proprio a Palazzo Bonaparte – anch’esso fino a oggi scrigno privato – che apre per la prima volta le sue porte a veri capolavori del movimento artistico d’Oltralpe più famoso al mondo: l’Impressionismo.

La cura della mostra è affidata a due esperti di fama internazionale: Claire Durand-Ruel, discendente di Paul Durand-Ruel, colui che ridefinì il ruolo del mercante d’arte e primo sostenitore degli impressionisti; e Marianne Mathieu, direttrice scientifica del Musée Marmottan Monet di Parigi, sede delle più ricche collezioni al mondo di Claude Monet e Berthe Morisot, già curatrice della mostra al Vittoriano su Monet che totalizzò 460.000 visitatori.

La mostra vede il patrocinio dell’Ambasciata di Francia in Italia e della Regione Lazio.

Post popolari in questo blog

LéGàMI: fra Cielo e Terra

La Forma dell’Ideologia. Praga: 1948-1989

MIART 2019, fiera internazionale d'arte moderna e contemporanea