La vita… un palcoscenico di colori

La Galleria Comunale d’Arte contemporanea L’Ottagono di Bibbiano (RE) ospita, dal 6 al 28 luglio, “La vita… un palcoscenico di colori”, la personale del pittore reggiano Giuliano Zoppi.

L’inaugurazione si terrà sabato 6 luglio alle ore 18 (Piazza Damiano Chiesa, angolo Via A. Gramsci) con la presentazione del curatore Silvio Panini e l’intervento critico del Prof. Marco Cagnolati.

Giuliano Zoppi vive e lavora a Parma e a Mandelieu La Napoule in Francia. Fin dall’infanzia ha dimostrato la sua propensione per il disegno e la pittura. Questa passione lo porta ad intraprendere gli studi e a diplomarsi come Tecnico Industriale con la specializzazione in disegno Meccanico. La sua attività artistica inizia nel 1978. Un anno prima viene assunto nelle Ferrovie dello Stato, lavoro che pratica fino al pensionamento, ma nel contempo porta avanti, come autodidatta, anche la sua passione per la pittura Naif. Nel corso degli anni ha partecipato a parecchie esposizioni collettive e personali, sempre nell’ambito della pittura Naif, Popolare, Singulier e Primitifs-Modernes.

Ha esposto in numerosi Saloni d’Art Naif: in Francia, Italia, Slovenja, Estonia, Finlandia, Serbia, Principato di Monaco, Spagna, Israele, Stati Uniti d’America, Belgio, Portogallo, Danimarca, Turchia, Polonia, Germania e Romania. Diversi Musei sparsi nel Mondo detengono alcuni dei suoi dipinti in modo permanente. Tra questi: Il Museo di Arti Naives di Luzzara (RE), il Museo della Resistenza Alcide Cervi di Gattatico (RE), il Museo Likovnih Samorastnikov di Trebnje (Slovenja), il Museo Naivne Umetnosti di Jagodina (Serbia) il Museo d’Art Naif Midan di Vicq di Parigi (Francia), il Museo Naif Yvon Daigle di Magog (Canada), il Museo Daubigny di Auvers-sur-Oise (Francia). Riporta numerose premiazioni e riconoscimenti: in Svizzera, in Francia, in Italia a Varenna (Lecco) e nel 1998 riceve il Premio più ambito: la Medaglia del Presidente della Repubblica dal Museo nazionale dei Naifs

Italiani di Luzzara (RE). Nel 2019 è Ospite d’Onore, conferito dalla Municipalità de la Ville de Macon in Borgogna (Francia) in occasione della 6° Biennale d’Art Naif Internazionale.

Nel 2020 sarà Ospite d’Onore invitato al Castello di Waroux nel Principato di Liegi (Belgio) per la Biennale d’Art Naif et Singulier.

Commenti

Post popolari in questo blog

La Forma dell’Ideologia. Praga: 1948-1989

L'età dell'innocenza nei dipinti di Claudia Giraudo alla galleria PUNTO SULL'ARTE a Varese

Monocromo. Il colore come destino e come profezia