Amalia Grè al Castello di Carovigno

Questa sera, alle ore 20, nelle sale del Castello di Carovigno (BR) s’ inaugura Grè, mostra personale di Amalia Grè, promossa dal Comune di Carovigno a cura di Antonella Marino.
 
Come scrive la curatrice nel testo critico in catalogo “sembra attingere al repertorio della favola e dell’infanzia e all’eleganza del decoro il variegato repertorio di Amalia Grè, al secolo Amalia Grezio, in arte più sinteticamente Grè. Ed in effetti i suoi lavori hanno la leggerezza e la grazia di uno stile che privilegia la fluidità della linea, la bidimensionalità delle forme, la stilizzazione delle figure, la piattezza vivace dei colori. Sia che si tratti di mettere in scena gustosi mini racconti digitali, piccole scene disegnate al computer con animaletti che assumono il posto degli umani, o piante impossibili che negli viluppi più recenti prendono vita in delicate e sorprendenti animazioni. Sia che l’artista si cimenti invece in composizioni di tele sagomate, spesso di grandi dimensioni (coscienti degli sconfinamenti moderni di una pittura che conquista lo spazio e si fa oggetto e installazione), con superfici che accolgono figurazioni vegetali o diventano esse stesse allusione formale a fiori e frutti. Sono due anime che convivono fin dall’inizio in una carriera che ha portato Amalia alla ribalta internazionale prima di tutto come cantante, raffinata interprete di jazz perfezionatasi in anni di permanenza a New York. Ma non molti sanno che per l’autrice - pugliese originaria di Ostuni, attualmente residente a Viterbo - la passione dell’arte convive da sempre col talento musicale. La sua formazione passa non a caso attraverso un diploma all’Accademia di Belle Arti di Perugia, e parte da pionieristiche sperimentazioni digitali già negli anni novanta, proprio durante il soggiorno nella grande Mela ( dove ha esposto in importanti gallerie). La mostra che si snoda all’interno delle splendide sale del Castello di Carovigno ci offre un saggio di questo fervido universo espressivo, lieve ed elegante, almeno in apparenza”
 
Carovigno (BR) - dal 4 agosto all'otto settembre 2013
Amalia Grè

Commenti

Post popolari in questo blog

L’Accademia Teatro alla Scala e PINKSIE THE WHALE presentano un balletto ispirato a Pinksie, la balena rosa.

Nasce a Brescia un nuovo grande Festival di Fotografia.

Visita alla casa-studio di Sauro Cavallini