LA DISATTIVAZIONE NUCLEARE

Grande evento a coronamento della grande mostra che, a partire dal 29 settembre, ha coinvolto bei nomi dell'arte contemporanea, evento che si terrà domenica 15 ottobre alle 15,30 con opere che gli artisti hanno creato a partire da fusti cilindrici di acciaio, normalmente utilizzati per contenere rifiuti radioattivi, reinterpretandoli ciascuno con tecnica, materiali e modalità espressive diverse.

L'evento, collocato all'interno dell'Interim Storage Facility del Joint Research Centre di Ispra, ha lo scopo di presentare il programma di disattivazione nucleare e di gestione dei rifiuti radioattivi in modo innovativo, attraverso l'arte, un percorso informativo che i visitatori avranno modo di seguire e sperimentare, partendo dalla ricerca nucleare, per arrivare al prato verde, approfondendo il tema della radioattività con presentazioni e dimostrazioni.

Da segnalare il grande effetto dell'Arpa di Luce di Pietro Pirelli, una installazione interattiva di luce e suono azionata da un pendolo sospeso, l'installazione Nuclear Recovered Drums di Piergiorgio Baroldi con la realizzazione di sei coloratissimi e sinuosi fusti, l'originalità delle opere di Antonio Bandirali, Luca Missoni e Ruggero Maggi ma anche di tutti gli altri artisti che sono stati chiamati ad interpretare questo speciale tema: Mauro Afro Borella, Roberto Barni, Davide Benati, Gabriella Benedini, Dietrich Bickler, Lorenzo Bocca, Giovanni Campus, Gabriele Castellani, Fabio Castelli, Arcangelo Ciaurro, Franco Crugnola, Raphael De Vittori Reizel, Marco Ermentini, Anny Ferrario, Antonio Franzetti, Vittore Frattini, Daniele Garzonio, Domenico Grenci, Tommaso Grillini Pica, Nes Lerpa, Luca Lischetti, Gianni Macalli, Angelo Maineri, Giuseppe Manariello, Niccolò Mandelli Contegni, Elio Marchegiani, Ruggero Marrani, Sandro Martini, Lorenzo Martinoli, Silvio Monti, Marcello Morandini, Giulia Napoleone, Cesare Ottaviano, Gianriccardo Piccoli, Pietro Pirelli, Antonio Pizzolante, Jorge Pombo, Graziano Pompili, Giorgio Presta, Bruno Raspanti, Paola Ravasio, Giorgio Robustelli, Medhat Shafik, Aldo Spoldi, Fausta Squatriti, Giordano Tamborini, Giorgio Vicentini, William Xerra, Wal (Walter Guidobaldi).

Un connubio riuscito tra scienza, tecnologia ed arte contemporanea, realizzata nel quadro dei progetti artistico-scientifici del JRC per sensibilizzare le comunità e le autorità su di un argomento complesso e delicato come la disattivazione nucleare e la gestione dei rifiuti.

GLI SPAZI DELL'ARTE - LA DISATTIVAZIONE NUCLEARE

Joint Research Centre
ISPRA - VARESE
29.09 - 15.10.2017
Necessaria prenotazione visite
Info: JRC-ART-SPACES@ec.europa.eu

(immagine: NUCLEAR RECOVERED DRUMS by PG BAROLDI)

Commenti

Post popolari in questo blog

Le Restituzioni di Salvatore Vitagliano esposte allo Spazio NEA

ARS in GRATIA – La GRAZIA nell’ARTE

Un taglio contemporaneo. Capolavori dalla Collezione permanente del Castello di Rivoli