Il Castello e il contrasto degli opposti

Il Castello e il contrasto degli opposti è la mostra a cura di Giuseppe Di Bella che raccoglie una trentina di opere di nove artisti -  Valerio Betta, Paolo Guarrera, Annalisa Guidetti, Teresa Noto, Andrea Piccarisi, Marina Platonova, Olga Polichtchouk, Luciano Vadalà e Ornella Zaffanelli - otto pittori e uno scultore, molto diversi tra loro per provenienza geografica, stile e approccio culturale, invitati ad esprimere visivamente le loro sensazioni alla lettura del famoso libro di Kafka , che da titolo alla raccolta. 

Come scrive in catalogo Giuseppe Di Bella: "'Il contrasto degli opposti', a significare 'il Castello' come archetipo misterioso che incombe sulla vita di una piccola comunità con i suoi esseri viventi e le loro personali storie, diverse l’una dall’altra, all’interno di una routine quotidiana segnata dal potere delle istituzioni e dai pregiudizi della società stessa. E come non bastasse, la burocrazia, qualcosa che doveva servire a civilizzare la società, è diventata un macigno minaccioso, pronto a rotolare per investire la nostra esistenza già ripida in salita. Una metafora del nostro tempo ove la solitudine diventa incapacità di trovare nella vita di tutti i giorni un senso più profondo rispetto a quello che la società offre. Gli affreschi medievali presenti nello spazio espositivo fanno da cornice ai dipinti e sculture di artisti italiani e stranieri dalle diverse personalità espressive, dall’astratto informale al moderno figurativo, dando evidenza ai significati che coinvolgono i conflitti esistenziali della vita moderna".

Il Castello e il contrasto degli opposti
EX CHIESA DI SAN GIOVANNI
Torri Del Benaco (VR) - dal 23 agosto al 19 settembre 2016
Via Per Albisano (37010)

Commenti

Post popolari in questo blog

L’Accademia Teatro alla Scala e PINKSIE THE WHALE presentano un balletto ispirato a Pinksie, la balena rosa.

Nasce a Brescia un nuovo grande Festival di Fotografia.

Visita alla casa-studio di Sauro Cavallini