1959-2019. Omaggio al Premio Arezzo

Dal 15 al 31 marzo 2019 si svolgerà, nel piano terreno e nel piano nobile del Circolo Artistico di Corso Italia 108, ad Arezzo, “1959-2019. Omaggio al Premio Arezzo”, mostra e concorso a cura del critico d’arte Danilo Sensi. L’inaugurazione si terrà venerdì 15 marzo alle ore 18. 

Nel marzo 1959 si svolse in città la prima edizione del Premio Arezzo di pittura. In occasione dei 60 anni, il Circolo Artistico di Arezzo intende riproporre una edizione straordinaria del Premio. Un omaggio alla città, agli artisti, alla cultura, per non dimenticare il motore che ha introdotto Arezzo nella contemporaneità, nonché la scintilla che ha dato vita alla Galleria Comunale d'Arte Contemporanea.

Il Circolo Artistico, luogo centrale per la città che da sempre ha accolto mostre, ha ospitato importanti retrospettive di autori del Novecento e possiede una importante collezione con opere di molti artisti che hanno partecipato al Premio Arezzo, diverrà il luogo della manifestazione, suddivisa in tre parti.

La prima sezione prende in esame il concorso indetto per la ricorrenza, al quale hanno aderito autori di qualsiasi nazionalità. Il Premio intende abbracciare tutte le tecniche, gli stili e le tematiche. Per avere un ampio raggio di rappresentazione artistica sono quindi accettate opere pittoriche, scultoree, installazioni, video performance, murales e street art. Domenica 31 marzo, giorno di chiusura, verrà decretato il vincitore, ovvero colui che avrà ricevuto più voti dal pubblico che per il periodo del concorso visiterà il Circolo Artistico.

La seconda sezione contempla l’esposizione di materiali storici inerenti il Premio Arezzo e la mostra di opere di Conti, Tenti, Venturi, Purificato, Onali, Maccari e altri, ovvero alcuni dei grandi nomi che hanno segnato le edizioni dello storico concorso. 

La terza sezione, infine, vuole ricordare, con una mostra collaterale, un artista scomparso nel 2018: Enio Lisi

Nato nel 1939, Egli fu uno dei più prolifici e interessanti autori aretini, collaboratore di Dario Tenti alla Galleria Comunale d'Arte Contemporanea, insegnante, energico pittore e abilissimo scultore, ceramista, designer, creativo. Deceduto lo scorso anno, Lisi fu uno di quei giovani artisti che assorbì le energie scaturite dal Premio Arezzo, realizzando fra gli anni Sessanta e Settanta opere per molti edifici pubblici e privati ad Arezzo. 
Le sale al piano terreno del Circolo Artistico renderanno quindi omaggio con una retrospettiva all'autore, e, assieme a Lisi, a una intera generazione di artisti, con un allestimento che propone opere e disegni, ma anche progetti, fotografie, scritti, materiale privato presente nel suo archivio. Una collaterale che racconta di una città che, dopo la guerra, si riscopre amante dell'arte, del design e della cultura. 

“1959-2019. Omaggio al Premio Arezzo” è un’iniziativa patrocinata da Consiglio Regionale della Toscana, Provincia di Arezzo e Comune di Arezzo, resa possibile grazie alla collaborazione di Associazione culturale Bangladesh Arezzo, Associazione culturale Bistr-Out e Associazione culturale L'Artefice, con il sostegno di UnoAErre Industries S.p.A. e Safimet S.p.A.

   

Segnalato da Marco Botti 

Commenti

Post popolari in questo blog

ARS in GRATIA – La GRAZIA nell’ARTE

TARAB, quando le anime si toccano

Contenutismi stilistici al Museo Emilio Greco di Catania