Arte, Fotografia e Media rivisitano il Pop in chiave contemporanea, a PoP CORNer.

Pop corner è un luogo dell' immaginario in cui lo sguardo del visitatore metaforicamente e concettualmente può entrare a fare parte del processo creativo. Andy, Niki Cooper, Mario Teli e Bg24cento sono gli attori artefici di questa sinestesia Pop. Espressioni diverse e complementari si sfidano e si inseguono in un continuo gusto eccessivo e vibrante.
 
Lo Studio d’Arte Marco Fioretti di Bergamo raccoglie realtà in divenire, opere che si intersecano, artisti contemporanei che coniugano la New Pop Experience all'interno di un unico contesto culturale. Uno spazio espositivo in cui la materia creativa diventa oggetto del tempo, modellata sul cromatismo fluo che evoca la poesia del passato e del presente.

Un gioco di rimandi e ritorni, attuato attraverso il linguaggio contemporaneo, capace di dipanare un ragionamento critico sul ruolo e la funzione del gesto creativo.
 
Uno degli attori di questo concept culturale è Andy.
Andy è anche fondatore di FluOn, suo quartier generale e nucleo creativo, che riassume nel nome una filosofia di arte e di vita: "FLU" come la fluorescenza, ma anche l' inFLUenza, entrambe da emettere e ricevere in flusso continuo e in un costante mode "ON": acceso. Con il suo fortissimo codice pittorico, emerge con una carriera di ampio respiro internazionale attraverso l'esposizione delle sue opere in mostre personali e collettive che lo fanno conoscere in Italia e all'estero.
 
Niki Cooper, altro protagonista di questo progetto, è l'avatar di Marco Fioretti, portavoce di un pensiero scanzonato, rappresentazione di un modo di interpretare l'arte come un momento di riflessione sulla contemporaneità. La sua essenza si riassume nell'iconografia della Vanitas seicentesca rivisitata in chiave pop. Aforismi, riflessioni e immagini si traducono in un messaggio inequivocabile, mediato dall'apparente superficialità degli oggetti, sulla inconsistenza del pensiero contemporaneo.
 
Infine, il fotografo professionista Mario Teli, contestualizza la filosofia glamour alla base dei suoi lavori, ritraendo la Moda da un punto di vista inconsueto, fatto di giochi di luce e cromatismi romantici. Trasmette la sua essenza, in linea con il mood pop dell'evento attraverso il lavoro realizzato dal Magazine Bg24cento, diromprente realtà editoriale bergamasca, che si propone sul territorio locale con una visione avanguardista e audace del concetto di Moda, scardinandone i canoni tardizionali, veicolando un concetto di fashion in bilico tra arte e ricerca.
La Moda, graficamente reinterpretata sulla carta patinata della Rivista, diventa un nuovo elemento contemplativo dello spazio.
 
Mondi affini nell'identità, ma distanti nell'espressione si incontrano, si sfiorano e si intersecano attraverso una visione comune nell'interpretare il tema della Pop Art. Lo fanno con un vernissage che spalanca le porte ad un concetto fluido e multiforme di arte, fotografia, creazione.

PoP CORNer
Studio d'Arte Fioretti
c/o Ikonos, via C. A. Dalla Chiesa n. 10 Treviolo (Bg)

Commenti

Post popolari in questo blog

L’Accademia Teatro alla Scala e PINKSIE THE WHALE presentano un balletto ispirato a Pinksie, la balena rosa.

Nasce a Brescia un nuovo grande Festival di Fotografia.

Visita alla casa-studio di Sauro Cavallini