Il percorso informale di Antonio Molinari all'Associazione Culturale Gioia 107 di Milano

Retrospettiva dedicata ad Antonio Molinari presso l' Associazione Culturale Gioia 107 dal primo al 26 ottobre 2013 . La mostra è a cura di Silvano Battistotti che ha selezionato opere del periodo informale dell'artista. Durante la presentazione - 1 ottobre 2013 alle ore 19.00 - verranno lette poesie di Maria Grazia Vai, Nunzio Buono, Gianluca Regondi (poesie liberamente scaturite dall'osservazione di alcuni quadri dell'artista).

"Antonio Molinari ha attraversato tutto il ventesimo secolo vivendo la sua attività principale di scenografo alla Scala di Milano. Attraverso la sua poliedrica attività artistica ha prodotto acquerelli e dipinti che spaziano dalle prime produzioni antropomorfe all’informale, con qualche opportunità nell’ambito dell’arte geometrica.
L’amore per il colore lo ha portato a comporre dipinti espressionisti in cui l’esuberanza cromatica conferisce un tocco vitale e sensoriale alle sue opere.
Se pensiamo che i suoi acquerelli informali, le sue tecniche miste, i suoi oli, i suoi collages sono in gran parte eseguiti dopo il secondo dopoguerra, bene si accordano con il mondo distrutto che lo circondava.
I bombardamenti distruggevano l’ordine costruttivo dell’uomo riducendo tutto in macerie, che rappresentavano un ritorno all’entropia, al disordine, all’informale. Ecco perché trovo coerenza nella scelta estetica adottata da Antonio Molinari nelle sue opere, esperienza che l’artista ha adottato fino alla fine.
I rapporti empatici che intercorrono fra le varie parti dei suoi dipinti (siano essi tra superfici cromatiche, fra linee spesse in nero, fra trasparenze acquerellate o tra densità materiche), conferiscono alle opere una coerenza logica, anche quando gli elementi di razionalità espressiva tendono a scemare.
Sempre viva rimane l’accensione cromatica che in qualche misura ci attira verso i suoi dipinti, volendo Antonio Molinari mostrarci una realtà diversa da quella delle sceneggiature teatrali cui era abituato per lavoro; fondali che fungevano da supporto realistico alle attività canore e interpretative che si svolgevano sul palco.
Una volta trovata questa sua nuova realtà creativa egli vi si è dedicato con grande onestà intellettuale, raggiungendo risultati interessanti e meritevoli." - Silvano Battistotti

"Antonio Molinari - Il percorso informale"
Associazione Culturale Gioia 107
Via Melchiorre Gioia 107 (20124)
Milano - dal primo al 26 ottobre 2013
0267075024 , 3383421624 info@artegioia107.it www.artegioia107.it

Commenti

Post popolari in questo blog

L’Accademia Teatro alla Scala e PINKSIE THE WHALE presentano un balletto ispirato a Pinksie, la balena rosa.

Nasce a Brescia un nuovo grande Festival di Fotografia.

Visita alla casa-studio di Sauro Cavallini