L'uomo è la terra

"L'uomo e la terra" è il titolo della mostra del celebre fotografo canadese Edward Burtynsky, a cura di Enrica Viganò e Daria Jorioz, allestita al Centro Saint-Benin di Aosta fino al 24 settembre.


In esposizione ci sono 30 fotografie a colori, di grande formato, che rappresentano immensi scenari dal mondo (Stati Uniti, Bangladesh, Italia, Cina, Australia, Portogallo) "fotografati con una tecnica raffinata che conferisce alle immagini un'eccezionale forza pittorica".

Burtynsky - si legge nella presentazione - "ha il dono raro di esplicitare la relazione delicatissima e fondamentale tra l'uomo e la terra componendo immagini di straordinaria qualità estetica; discostandosi da un atteggiamento apertamente militante, le sue fotografie non vogliono proporre tesi precostituite, ma piuttosto suggerire un'osservazione nuova, che ci induca a considerare quanto la relazione uomo-ambiente sia fortemente ambivalente". 

Nato nel 1955 a St.Catharines (Ontario), si è diplomato in arti grafiche al Ryerson Polytechnic University e si è laureato al Niagara College. Le sue opere sono custodite nei maggiori musei mondiali, tra cui la National Gallery of Canada, la Bibliothèque Nationale de France di Parigi, il Museum of Modern Art e il Guggenheim Museum di New York.

E' docente di arte fotografica, pubblica sui principali periodici di settore, ha vinto numerosi premi ed è membro del consiglio di amministrazione di Contact, il festival internazionale della fotografia di Toronto, e della galleria del Ryerson Image Centre. Nel 2006 è stato insignito del titolo di Ufficiale dell'Ordine del Canada e detiene sei dottorati honoris causa.



L'uomo e la terra - Edward Burtynsky
Dal 29 Aprile 2017 al 01 Ottobre 2017

Centro Saint-Bénin, Aosta
CURATORI: Enrica Viganò, Daria Jorioz

INFORMAZIONI: +39 0165 272687
u-mostre@regione.vda.it
http://www.regione.vda.it


Commenti

Post popolari in questo blog

L’Accademia Teatro alla Scala e PINKSIE THE WHALE presentano un balletto ispirato a Pinksie, la balena rosa.

Nasce a Brescia un nuovo grande Festival di Fotografia.

Visita alla casa-studio di Sauro Cavallini