Dipinto rubato era vicino quadro Sgarbi

Un antiquario riconosce il 'Ritratto di giovinetto' di Federico Barocci (1558), la testa di Antonio Bonaventura, tagliata e rubata negli anni '80 dalla Pala del Martirio di San Sebastiano nel Duomo di Urbino, fra le opere messe in vendita da una casa d'asta genovese, che lo attribuiva ad un anonimo pittore veneto del XVII secolo. 

Ma non lo aveva riconosciuto Vittorio Sgarbi, assessore alla Rivoluzione proprio ad Urbino, che nella stessa asta aveva in vendita un dipinto di sua proprietà, la 'Testa di vecchia'. 

La bella notizia fa il giro del mondo ma le istituzioni di Urbino tacciono, e ora i gruppi Cut Liberitutti e Urbino al Centro chiedono le dimissioni di Sgarbi e della giunta per il loro "silenzio assordante". 

Il ritrovamento del dipinto è avvenuto grazie all'antiquario pesarese Giancarlo Ciaroni, che ha chiesto conferma dell'autenticità all'assessore alle Arti di Rimini, Massimo Pulini, permettendo così il sequestro della tela ad opera del Nucleo tutela patrimonio dei Cc.

Notizia ANSA

Commenti

Post popolari in questo blog

L’Accademia Teatro alla Scala e PINKSIE THE WHALE presentano un balletto ispirato a Pinksie, la balena rosa.

Nasce a Brescia un nuovo grande Festival di Fotografia.

Visita alla casa-studio di Sauro Cavallini