L'Arte e la Vita nelle mani

"L'Arte e la Vita nelle mani" di Vincenzo De Simone, dal 2 dicembre 2017 al 6 gennaio 2018, alla Saaci/Gallery di Saviano (NA). Curata da Stefano Taccone, la mostra e la performance celebrano i cinquant'anni di carriera dell'artista, nato a Roccarainola (NA) e residente in provincia di Reggio Emilia.

Nel progetto, il percorso espressivo e il discorso figurativo s'identificano con l'arte del "ferire" ciò che è materiale (corpo) e ciò che è spirituale (anima). L'obiettivo della performance artistica è quello di mettere in mostra il risultato della cura dell'arte e dell'anima, evidenziando una seconda vita reale che si riflette nel connubio tra arte e medicina, mirando ai valori più alti attraverso l'estetica. Arte, dunque, come terapia dello spirito. L'evento, in particolare, prevede un environment fatto di luce blu, un'installazione a parete di opere su carta e la proiezione dei video "Morire d'amore per vivere d'amore" e "Le mie ferite vengono da lontano".

De Simone è pittore, scultore e performer. Incentra il suo fare pittura sull'interazione tra luce e materia. Ha inventato la tecnica della "Pittura A-Pittura" (epifania di figurazioni sulla tela ottenute senza la presenza di alcun pigmento di colore), esposta per la prima volta nel 1974 allo Studio A di Milano, nell'ambito di una mostra con Lucio Fontana. Ha, inoltre, fondato il "Teatro Contadino", presentato alla Biennale di Venezia del 1976 (padiglione italiano e svizzero). Nella sua ricerca, procede per cicli (18 dal 1960 ad oggi), senza costringersi a scelte immutabili di tecniche e di stile. Il suo pensiero è rivolto alla relazione tra arte e vita. «L'arte ritorna alla vita - scrive l'artista - e così sia». «L'opera che io realizzo muta, in tempo reale, l'immagine di sé (essere opera), la sua identità e i suoi significati di trasmettere forma e contenuto».

La mostra, che sarà inaugurata sabato 2 dicembre alle ore 19.00, sarà accompagnata da un testo critico di Stefano Taccone  e da una testimonianza scritta congiuntamente da  Antonio Ascione (epatologo) ed Umberto Cillo (chirurgo), già medici ed amici di Vincenzo De Simone e, nel caso del primo, già partner di due sue precedenti performance artistiche.   In occasione del vernissage, verrà fatto un brindisi ai cinquant'anni di carriera.

Saaci/Gallery (Via Padre Girolamo Russo 9, Saviano, Napoli) è aperta tutti i giorni con orario 18.00-20.00, oppure su appuntamento (cell. 338 8666375). Ingresso libero. 

Per informazioni: www.saacigallery.com, info@saacigallery.com. 

Commenti

Post popolari in questo blog

L’Accademia Teatro alla Scala e PINKSIE THE WHALE presentano un balletto ispirato a Pinksie, la balena rosa.

Le Restituzioni di Salvatore Vitagliano esposte allo Spazio NEA

ARS in GRATIA – La GRAZIA nell’ARTE