Silenti approdi. Anatomia di un viaggio

La mostra in cui quattro Artisti hanno affrontato la tematica del viaggio con personali interpretazioni , identificando l'approdo, non come momento finale di esso ma come atto di scoperta e di rinascita : "Silenti approdi. Anatomia di un viaggio", questo ne è il titolo. Presso lo StudioLabGallery Canova 13 di Torino, da quest'oggi al 5 novembre 2013.
 
Vera Quaranta, affronta un viaggio mitologico in cui le viaggiatrici sono madri in fuga da luoghi di guerra. Le sue donne incarnano le origini, ma sono sorprendentemente contemporanee. Brenno Pesci, con le sue opere richiama l'iconografia del viaggio, il mare e la terra, che sono i corrispondenti naturali che lo compongono, il cammino e la ricerca dell'uomo attaverso i suoi elementi. Gabriele Garbolino Ru, esplora con lo sguardo delle sue figure ritratte orizzonti immaginari dove ogni uomo vorrebbe ritrovare riferimenti e nuova linfa vitale l'emersione è la presa di coscienza del mondo. Livio Girivetto Mensio, bendando i protagonisti delle sue immagini, denuncia il forte disagio vissuto nel viaggio dei rifugiati in fuga da luoghi di combattimento a cui l'approdo violento nega dignita' sociale, ma ne è unica via di salvezza.
 
Lo StudioLabGallery Canova 13 è posto nel cuore del quartiere San Salvario a Torino, da alcuni anni divenuto sede dei piu' interessanti laboratori di giovani designer. Creato nel settembre del 2000 nasce come luogo di progettazione e laboratorio per le arti applicate. In questi ultimi anni ha voluto cognugare la vivacita' creativa dei suoi frequentatori con il mercato, supportando le idee piu' interessanti con uno showroom/gallery

 
Silenti approdi. Anatomia di un viaggioSTUDIOLABGALLERY
Torino - dal 12 ottobre al 5 novembre 2013
Via Antonio Canova 13 (10126)
+39 346 757 1780 , +39 (fax), +39

Commenti

Post popolari in questo blog

L’Accademia Teatro alla Scala e PINKSIE THE WHALE presentano un balletto ispirato a Pinksie, la balena rosa.

Nasce a Brescia un nuovo grande Festival di Fotografia.

Visita alla casa-studio di Sauro Cavallini