Man Ray a Villa Manin

Fra pochissimi giorni a Villa Manin di Codroipo (Udine), si va ad inaugurare una mostra dedicata a Emanuel Rudzitsky - figlio di immigrati russi , nato a Filadelfia e divenuto Man Ray nel 1912. Una  imponente esposizione a cura di Guido Comis e Antonio Giusa con la collaborazione della Fondazione Marconi di Milano. In mostra le sue icone "Le Violon d’Ingres", Cadeau, e quasi 300 lavori suddivisi tra disegni, fotografie, dipinti e film sperimentali.

La mostra è un excursus nella vita dell’artista: dagli anni d’esordio fra New York e Ridgefield – New Jersey, sede di una vivace colonia di artisti – alle prime opere dadaiste; dall’arrivo a Parigi nel 1921, alla fuga dalla Francia occupata dopo un ventennio di attività intensissima; dagli anni di Hollywood, dove Man Ray si stabilisce al ritorno in America, agli ultimi due decenni di vita trascorsi a Parigi. Non si tratta tuttavia di un iter semplicemente cronologico, ma di un percorso articolato in una successione di approfondimenti che hanno per tema la scoperta della vocazione all’arte, il rapporto con gli amici artisti e il contributo alla definizione dell’estetica dadaista e surrealista, l’elaborazione di tecniche fotografiche come il rayograph e la solarizzazione, l’immagine della donna, le sperimentazioni cinematografiche e altri ancora.


MAN RAY

Villa Manin
Passariano, Codroipo (Udine)
13 settembre 2014 – 11 gennaio 2015


Informazioni
Azienda speciale Villa Manin
Piazza Manin 10, 33033 Passariano, Codroipo (Udine)
www.villamanin.it
e-mail: info@villamanin.it tel: +39 0432 821211

Orari: Da martedì a domenica: 10.00–19.00
Chiuso lunedì

Biglietti: Intero: 10€ Ridotto: 8€ Gruppi: 5€

È compresa nel costo del biglietto l’audioguida in italiano e in inglese.

Post popolari in questo blog

L’Accademia Teatro alla Scala e PINKSIE THE WHALE presentano un balletto ispirato a Pinksie, la balena rosa.

Nasce a Brescia un nuovo grande Festival di Fotografia.

Visita alla casa-studio di Sauro Cavallini