Hypatiae Festival - Artisti e Scienziati sulla Costiera Amalfitana


COMUNICATO STAMPA

Hypatiae Festival - Minori 16-17-18 settembre 2016

Cultura, arte e scienza. Tutto questo è Hypatiae Festival, l’evento organizzato da Hypatiae Arte e Scienza, associazione culturale non profit che vuole portare la cultura nella vita dei cittadini, mediante il divertimento, la passione e la sperimentazione, in programma il 16, 17 e 18 settembre a Minori, nella cornice mozzafiato, aspra e avvolgente della costiera amalfitana. 

L’obiettivo della kermesse è incarnare e proporre i valori di figure poliedriche del panorama culturale internazionale, come Ipazia di Alessandria d’Egitto, filosofa e matematica greca martire della cultura, vissuta nel IV secolo a.C.

L’esempio di Ipazia sarà sotteso a tutto il programma del Festival: uomini e donne di alto profilo, del mondo della scienza e dell’arte, daranno vita a tre giornate ricche di contenuti ed emozioni, occasioni di dialogo tra artisti, scienziati e pubblico, con la volontà di crescere insieme come persone libere, amanti della conoscenza e della civiltà, dedite all’apertura mentale e al pensiero critico. 

Tra le personalità presenti Zhiti Visar, capo missione dell’ambasciata di Albania presso la Santa Sede, nonché poeta, e Manuela Arata, ideatrice e organizzatrice del Festival della Scienza di Genova, maestra della comunicazione pubblica della scienza. Presenzieranno anche Andrea Reale, sindaco di Minori, e Maria Citro, consigliere alle politiche sociali.

La suggestione si allungherà dalla terra al mare: i luoghi del Festival comprenderanno la sala consiliare del Municipio di Minori, Piazzetta Cantilena, l’Arciconfraternita del SS. Sacramento, fino ad arrivare al lungomare, alla spiaggia e al molo di Minori. 
Sul molo si aprirà il Festival con l’approdo della Barca Hypatia, venerdì, alle 17, accolta dalle performance artistiche di Marisa Vanetti, pittrice e scultrice. 
A seguire, a partire dalle 20, la Sala Consiliare del Municipio di Minori ospiterà un Aperitivo Vesuviano con gocce di Oltrepò.

Da qui per tutto il fine settimana si alterneranno incontri, dialoghi, seminari, performance artistiche, laboratori di arte e scienza, all’insegna della creatività. 

In quest’ottica, una parte importante del Festival consisterà nell’iniziativa Cultura pubblica a Minori: tutta la cittadina sarà cornice di una giornata di condivisione dei Saperi, sabato 17 settembre. Tutti coloro che vorranno condividere la propria espressione artistica sono chiamati a occupare, dalle 11 alle 17, uno spazio nel Festival: il molo, la spiaggia, il lungomare e Piazzetta Cantilena si popoleranno di artisti e scienziati che vorranno condividere il proprio sapere, accanto a quanti a loro volta vorranno esprimere la propria creatività, nel segno di un vero e proprio raduno culturale. Pittura, musica, danza, performance artistiche e scientifiche, artigianato, fotografia: nell’ambito di Cultura pubblica a Minori ci sarà posto per tutti i linguaggi. 

Sabato inoltre chi vorrà catturare qualche immagine significativa della manifestazione potrà sfidarsi a cogliere la creatività di artisti e scienziati all’opera. Foto, selfie e video della cultura potranno essere inviati all’indirizzo info.hypatiae@gmail.com per andare al vaglio della giuria popolare sui social network e del comitato artistico-scientifico di Hypatiae Festival. 

La giornata di sabato ospiterà anche gli interventi di illustri scienziati tra cui Eugenio Fazio, professore di Fisica e Ottica presso La Sapienza l’Università di Roma, che interverrà su Luce tra scienza e pensiero, e Giuseppe Longo, professore di astronomia e astrofisica presso l’Università di Napoli Federico II. Longo racconterà la storia di Caroline Herschel, la prima donna insignita della medaglia d'oro della Royal Society nonché prima astronoma professionista moderna e insieme cantante lirica, sorella di William Herschel, scopritore del pianeta Urano. Interverranno anche Amalia Tullio, giovane scienziata docente di matematica, e Enzo Fornasari, ingegnere appassionato di divulgazione, che ringraziamo per ill contributo all’organizzazione di Hypatiae Festival. 

La sera, alle 21.30, sarà invece la volta di una cena culturale presso l’hotel Villa Romana di Minori: Mangiando la Cultura a cura di Francesco Bonito, adolescente appassionato di cultura, e a seguire la performance dell’artista Ada Eva Verbena.

Il Festival ospiterà inoltre tre importanti mostre: in Mediterraneum Lumina, Andrea Luca Luongo esporrà le proprie fotografie presso il Municipio di Minori dando la propria lettura artistico scientifica delle luci del Mediterraneo. Al pittore e poeta Gjergj Kola saranno dedicate due diverse mostre: L’amore tra luci e ombre in Piazzetta Cantilena, e Santa Madre Teresa di Calcutta presso l’Arciconfraternita del SS. Sacramento. 

La giornata di domenica, a partire dalle 10, sarà dedicata all’Occasione della tenerezza: un percorso nato dall’Associazione Hypatiae Arte e Scienza in sinergia con APIC (Associazione di Psicologia Integrata e Complementare). 
Luci e ombre dell’amore nella dialettica tra uomo e donna, guardando con speranza a un sodalizio di tenerezza che affonda le radici nell’incontro e nel dialogo. Sono previsti seminari, spazi creativi per i bambini e momenti di relax. 
Interverrà anche la psichiatra Alfonsina Guarino sul benessere psichico delle donne in gravidanza e maternità.

La partecipazione agli eventi del Festival sarà completamente libera e gratuita. L’accesso ai seminari di artisti e scienziati che si terranno presso il Municipio di Minori sarà anch’esso libero, fino a esaurimento posti. Solo per la cena culturale del sabato sarà richiesto un contributo di 30 euro a persona, con la possibilità di prenotare all’indirizzo info.hypatiae@gmail.com. 


CONTATTI:

Dott.ssa Tonia Losco, presidente associazione Hypatiae
losco.tonia@gmail.com
+39 392 7433994

Dott.ssa Giulia Urbinati, addetto stampa associazione Hypatiae
giulia.urbinati88@gmail.com
+39 333 3226140

Commenti

Post popolari in questo blog

L’Accademia Teatro alla Scala e PINKSIE THE WHALE presentano un balletto ispirato a Pinksie, la balena rosa.

Nasce a Brescia un nuovo grande Festival di Fotografia.

Visita alla casa-studio di Sauro Cavallini