Hypotheses non fingo.

Hypotheses non fingo” (“Non invento ipotesi”) è la risposta di Isaac Newton a chi gli chiedeva di definire la forza di gravità: a partire dai fenomeni osservati, sosteneva, si poteva solo descriverne gli effetti. Da questa risposta prende spunto Peteris Lidaka nella mostra che, dal 13 ottobre, presenta alla 121+ Libreria Ex-Temporanea di Milano. 

Attraverso le sue opere, l’artista lettone crea un universo che scavalca i limiti dell’immaginazione: una nuova realtà, un mondo parallelo in cui l’ingegneria spaziale diventa campo di sperimentazione artistica.

Mentre in lavori precedenti – come in Airplaneography, Un Sedicesimo 32, edito da Corraini – aveva immaginato macchine volanti e aeroplani impossibili, rendendo omaggio al volo meccanico, primo grande traguardo tecnologico del Novecento, ora Peteris gioca con l’idea stessa di spazio con modalità più vivide e astratte. Mescolando discipline in modo visionario, immagina macchine volanti come organismi vivi, modellate con forme asimmetriche e colori inconsueti, dotate di altrettanto inconsuete abilità. Modelli di aeroplano che assomigliano a creature viventi, la cui abilità per volare e sopravvivere è assicurata da eliche di diverse dimensioni, ruote da aereo e parti organiche installate in contesti insoliti e stranianti.

Peteris Lidaka (1978) ha studiato al St. Martins College di Londra, attualmente vive a Riga, dove lavora come illustratore freelance e collabora con svariati progetti di design · www.peterislidaka.com

121+ Libreria exTemporanea | via savona 17  Milano

Dal 13 ottobre al 14 novembre 2016

Mostra “Hypotheses non fingo”
di  Peteris Lidaka

inaugurazione con Peteris Lidaka giovedì 13 ottobre ore 19.00


ufficio stampa Cristina Ricotti - MARA VITALI COMUNICAZIONE tel. 02.70108230 cell. 3477667191 cristina@mavico.it








Commenti

Post popolari in questo blog

L’Accademia Teatro alla Scala e PINKSIE THE WHALE presentano un balletto ispirato a Pinksie, la balena rosa.

Nasce a Brescia un nuovo grande Festival di Fotografia.

Visita alla casa-studio di Sauro Cavallini