Massimiliano Luchetti in mostra alla Galleria San Lorenzo Arte

Dal 1° al 24 aprile 2017 la Galleria San Lorenzo Arte di Piazza Bordoni 4, a Poppi (AR), ospita “NooN”, mostra personale di Massimiliano Luchetti a cura di Silvia Rossi. L’esposizione, a ingresso libero e gratuito, sarà visitabile tutti i giorni con orario 10/19.

Sabato 1° aprile, dalle ore 17,30, l’inaugurazione con un’introduzione musicale e la presentazione del nuovo catalogo dell’artista versiliese, in cui sono incluse anche le sette opere di grandi dimensioni in esposizione a Poppi.

LA MOSTRA
La suggestiva Galleria San Lorenzo Arte, a due passi dal celebre Castello di dantesca memoria, propone per il mese di aprile la personale di uno dei più apprezzati e talentuosi artisti toscani: Massimiliano Luchetti.
In esposizione sette tele imponenti, che trovano nelle pareti della ex chiesa di San Lorenzo la location perfetta per ammirarle in tutta la loro monumentalità.

«Guardando le opere di Massimiliano – scrive la curatrice Silvia Rossi, – la prima sensazione che ci avvolge è quella di uno strano senso di stordimento. Ciò che osserviamo ci appare come qualcosa di assolutamente sconosciuto e al contempo di estremamente familiare. Mentre gli occhi si avvicendano sulle trame del colore frazionato, la memoria si muove alla ricerca di punti di riferimento in queste strane geometrie frattaliche, riconoscendo toponomie improbabili, elementi naturali che intersecano micro e macro-cosmi».

La ricerca pittorica di Luchetti si perde nell'annullamento formale dell'intervento umano, mentre l'imponente dimensione avvolge e proietta lo spettatore alla ricerca infinita di un nuovo e irripetuto dettaglio. Il contrasto dei colori, ora armonico ora stridente, assorbe e concentra lo sguardo verso l'interno dell'opera, quasi fosse essa un’innaturale geode.

«L'astrazione di Massimiliano abbandona ogni pretesa – prosegue la Rossi, – tralascia il gesto, la sfumatura, la forma. Si muove eppure anche al di fuori di quell'informale, frutto di grande impeto, che siamo ormai ben abituati a conoscere per addentrarsi in una nuova maniera. Gioca con il nuovo sguardo che ci ha saputo regalare l'innovazione tecnologica con le vedute satellitari mentre la materia, incontrollata, domina l'avvicendarsi della texture. Ecco allora che l'intervento umano si rivela nella composizione cromatica, nel movimento intuibile della tela nel processo creativo, elevando l'artista alla summa di quella creazione osservata più che agìta, la stessa imprevedibile natura della creazione del mondo».


BIOGRAFIA 
Massimiliano Luchetti nasce a Pietrasanta (LU) nel 1975, dove ancora oggi vive e lavora. Avvicinatosi alla pittura da giovane, nel 1992 frequenta da collaboratore il celebre studio d’arte F. Palla di Pietrasanta, affinandosi nella conoscenza dei materiali (marmo, creta) e nella tecnica del disegno. 
La pittura di Luchetti si traduce in decostruzioni violente della materia pittorica, che da un figurativo labilmente palpabile (ma presente) giunge all’essenziale.  Una pittura rigorosamente a olio che trova nella serie dei “Viaggi – onirici, iniziatici, reali” e delle “Mappe” una rara espressione artistica: il viaggio dunque, tema meravigliosamente classico, è vivo e tangibile, seppur sperduto nella nebbia che avvolge il ricordo così come l’avvenire. Sepolcri di ciò che è stato e di ciò che invece dovrà essere.
Gli ultimi lavori, cosmogonie materiche in equilibrio tra concetto e fisicità del colore, sempre più legati a una destrutturazione concettuale della materia, trovano ampi riscontri con le mostre negli Stati Uniti (2015/2016), dove l’arte di Luchetti si afferma come una delle più rilevanti del panorama artistico contemporaneo emergente. 

www.massimilianoluchetti.it
www.sanlorenzo-arte.com


Ufficio Stampa - Marco Botti 
cell. 3475489038 – marco.botti9@gmail.com – marco.botti@pec.giornalistitoscana.it



Commenti

Post popolari in questo blog

L’Accademia Teatro alla Scala e PINKSIE THE WHALE presentano un balletto ispirato a Pinksie, la balena rosa.

Nasce a Brescia un nuovo grande Festival di Fotografia.

Visita alla casa-studio di Sauro Cavallini