T'AMO - Rassegna nazionale del piccolo formato

Il mio T'amo per T'AMO
Adsum arte contemporanea in occasione delle festività natalizie ha invitato centoventi artisti a cimentarsi sul tema dell'amore in tutte le sue bizzarre sfaccettature: ”Un AMO lanciato come un urlo, una dichiarazione di amore o una maledizione, una richiesta di aiuto o di senso, un'invocazione o un'imprecazione, un bacio o uno schiaffo... Con tanta ironia, leggerezza e intelligenza... nel mare magnum del mondo, dalla nave sulla quale vai alla deriva insieme a tutti gli altri, accomunati dallo stesso destino.” così come scrive Giovanni Morgese curatore del progetto.
 
I lavori esposti sono di L.Abadessa, M.Addamiano, G.M.Addante, I.Albano, C.Allegretta, A.Andreuccetti, A.Bagnardi, G.Barile, L.Basile, Benna, L.Bergamini, A.Biondi, M.Bonaduce, P.Bordinone, C.Bossi, F.Bratta, A.Cacciapaglia, L.Cacucciolo, D.Calfapietro, R.Cappelluti, V.Capurso, M.Caradonna, F.Carbone, E.Carniani, E.Chiavarone, F.Chiricallo, M.Cipriani, A.Copertino, V.Corcelli, N.Cultrera, V.deLeo, R.Del Giudice, A.D'Elia, G.D'Elia, P.DeNicolo, S.DePalma, P.DeSantoli, C.DeSario, P.DeScisciolo, W.delli Carri, K.DiBari, S.DiCostanzo, A.DiMichele, C.Dicillo, G.Donatelli, G.Dorigo,D.Ferro, W.Festuccia, F.Fioriello, E.E.Gadaleta, L.Gelao,C.Giulianelli, M.Gomez, M.N.Grieco, I.Guastamacchia, E.Kambo, M.Labbe, N.Liberatore, O.Liuzzi, E.Luiso, M.Manduzio, E.Monguzzi, F.Manzini, G.Margini, M.G.Martino, G.Martino, N.Massia, N.Mastandrea, E.Mastria, G.Messenio, P.Millico, M.Molinari, F.Molinario, G.Morgese, L.Nannini, P.Ober, S.Orlando, M.Paloscia, O.Panebianco, M.Pansni, PG.Pantaleo, G.Passerini, S.Pelle, G.Pensato, P.Petrucci, B.Pierozzi, A.Pilato, P.Pisani, M.Pompeo, M.Prestia, A.Rapio, P.Ricco, M.Riefolo, M.Romani, S.Rossi, E.Ruggiero, I.A.Rutigliano, V.Rutigliano, D.Salvadore, P.Sani, A.Saracino, A.Savoi, P.Scialpi, D.Sforza, B.Simone,  N.Sisto, A.Spizzico, E.Tedeschi, F.Tullo, R.Vaccari, G.Vallarelli, V.Vasallucci, S.Vendola, G.Visentini, G.Volpe, C.Zanella e I.Zingaro.
 
Locandina di T'AMO
 
Circa duecento le opere pervenute negli stili e tecniche più svariati. Uno spaccato di quello che oggi è l'arte contemporanea. Infatti l'intento di questo progetto è quello di evidenziare, servendosi di un così accattivante tema, il profondo momento di crisi che l'arte oggi affronta. Si vuole reagire con un messaggio di speranza che Carlo Chenis così efficacemente descrive: "La creatività è il segno dell'umana spiritualità. I percorsi creativi danno forme nuove alle cose del mondo così che si genera un ambiente a misura d'uomo. Con essi l'individuo conferma di possedere una spiritualità personale, di trasformare delle cose del mondo, di progettare la propria eternità. La creatività prorompente contro l'alienazione dei singoli e delle collettività.
In un'era annoiata e preoccupata, occorre riscoprire la creatività per uscire dai segni della globalizzazione massificante e per aspirare ad un'era di promozione umana personalizzante. La creatività è segno di futuro, segno di gioia, segno di libertà. Il cammino di liberazione dell'uomo dalla noia mortale del conformismo, della secolarizzazione, del consumismo esige rinnovata creatività. L'arte come denuncia e come annuncio conserva e sprigiona l'umana creatività, poiché rende l'individuo cosciente della propria genialità e dona alle collettività sublimazioni estetiche…"
 
La mostra è patrocinata dal comune di Terlizzi assessorato alla cultura. Il vernissage sabato 15 dicembre 2012 alle ore 19,00

A D S U M Artecontemporanea
via Marconi, 5 (Palazzo della Meridiana) – Terlizzi(BA)
visitabile dal 15 dicembre 2012 al 5 gennaio 2013
orario:
dal lunedì al sabato dalle ore 10.00-12.30 18.30- 20.30 chiusura giovedì pomeriggio e festivi
 
Art director : MARIA BONADUCE e GIOVANNI MORGESE
Critico e storico dell’arte : LUIGI DELLO RUSSO
Comunicazione e marketing : FRANCESCO PARISI
Ufficio stampa: NICOLO’ MARINO CECI
Progetto grafico: SABRINA VENDOLA.
Collaboratori: GIANRAFFAELE PORFILIO – NICOLA MASTANDREA
“Buon viaggio con...AMOre”

Commenti

Post popolari in questo blog

L’Accademia Teatro alla Scala e PINKSIE THE WHALE presentano un balletto ispirato a Pinksie, la balena rosa.

Nasce a Brescia un nuovo grande Festival di Fotografia.

Visita alla casa-studio di Sauro Cavallini