Un Chiaro viaggio fotografico nella poesia di Riccardo Varini

Dopo la partecipazione a "Photissima Art Fair", Riccardo Varini espone, dal 15 dicembre 2012 al 3 febbraio 2013, a Castelnovo ne' Monti (RE), nella doppia sede del Palazzo Ducale e del Teatro Bismantova (foyer).

La mostra, promossa dall'Assessorato alla Cultura del Comune di Castelnovo ne' Monti per la cura di Emanuele Ferrari, s'intitola "Chiaro", in riferimento ad un linguaggio che molti hanno definito "chiarista", per l'uso di colori altamente stemperati, non violenti, tesi a dare sostanza al silenzio, al vuoto, ad un infinito di leopardiana memoria.
 
In esposizione, oltre cinquanta immagini, per lo più stampate su preziosa carta cotone, selezionate dall'autore reggiano per raccontare il suo percorso fotografico, dai primi anni Ottanta ad oggi.
Come scrive il curatore, «Chiaro è un viaggio nell'universo poetico di Riccardo Varini. Qualcuno potrebbe chiamarli semplicemente paesaggi. Penso invece che siano poesie, senza parole o con le parole nascoste nella nebbia e nella luce, come accade a volte negli haiku giapponesi. Così ci spostiamo dall'inverno delle nostre colline, alla pianura e ancora, attraverso luoghi comuni di passaggio, arriviamo alle marine. Tutto ciò che vediamo invita a pensare, ci cattura come fanno i barlumi o le ombre lievi. Nella poetica di Riccardo le stagioni stanno tutte raccolte nel suo animo di poeta. Dall'anima e dell'anima ci parlano. Basta mettersi in ascolto dei loro sussurri».
 
L'esposizione sarà inaugurata sabato 15 dicembre, alle ore 17.30, a Palazzo Ducale, con una performance musicale del Trio di fisarmoniche composto da Federico Beretti, Luca Razzoli e Daniele Valentini dell'Istituto Peri - Merulo. La sede di Palazzo Ducale è aperta tutti i giorni con orario 15.00-20.00, Natale e Capodanno compresi, al mattino su prenotazione. L'accesso al foyer del Teatro Bismantova è, invece, garantito nei giorni di apertura del teatro. Ingresso gratuito. Per informazioni: tel. 0522 610204 - biblioteca@comune.castelnovo-nemonti.re.it.
 
Presso la sede di Palazzo Ducale sarà, inoltre, possibile visitare il presepe "Natività Popolare" di Eduard Reiter, appartenente alla collezione del Krippenmuseum di Oberstadion (Germania).
 
Riccardo Varini nasce nel 1957 a Reggio Emilia, dove vive e lavora. Le sue opere sono archiviate dal professor Arturo Carlo Quintavalle presso il Centro Studi e Archivio della Comunicazione dell'Università di Parma, fra i grandi nomi della fotografia italiana. La sua poetica nasce dall'amore per la natura che gli infonde il padre Luigi, ma anche dalla passione per le cose semplici che condivide con Luigi Ghirri, così come dal "chiarismo" e dalla sobrietà dei pittori della scuola di Morandi. Un linguaggio scarno, rarefatto, intento alla poesia, caratterizzato da tonalità spesso desaturate, che non vuole stupire lo spettatore, ma indurlo alla riflessione. Dopo numerose esposizioni in Italia ed all'estero, nel 2008 Varini pubblica il libro "Silenzi", che raccoglie le sue opere più significative realizzate a partire dal 1978. Nel 2009 la sua personale allestita presso la Galleria Parmiggiani di Reggio Emilia viene premiata dalla critica e dai visitatori di "Fotografia Europea". Nel 2012 ha esposto le sue opere presso la Galleria Einaudi di Mantova, i Magazzini del Sale di Cervia e la Galleria Gorza di Rimini, pubblicando i volumi "Da mare a mare" (NFC, 2012, a cura di Giulio Zavatta e Alessandra Bigi Iotti) e "Luoghi comuni" (Abao Aqu, 2012, a cura di Emanuele Ferrari). Ha preso, inoltre, parte alla seconda edizione di "MIA - Milan Image Art Fair" (Milano) e alla prima edizione di "Photissima" (Torino). Affianca alla ricerca personale l'attività didattica, con numerosi corsi e seminari. Sta attualmente lavorando ad un grande progetto fotografico ispirato al pittore americano Edward Hopper, che sarà presentato nel 2013 a Mantova.
 

Commenti

Post popolari in questo blog

L’Accademia Teatro alla Scala e PINKSIE THE WHALE presentano un balletto ispirato a Pinksie, la balena rosa.

Nasce a Brescia un nuovo grande Festival di Fotografia.

Visita alla casa-studio di Sauro Cavallini