Ersoy Yilmaz : Una mostra personale alla Casa delle Culture del Mondo in Milano.

Dal 14 al 30 giugno 2013 "La Casa delle Culture del Mondo" di Milano ospita la prima mostra personale in Italia dell’ artista turco Ersoy Yilmaz (Ankara 1977), patrocinata dall'Ambasciata di Turchia - Ufficio Cultura e Informazioni di Roma.
 
La mostra riunisce oltre 20 opere ceramiche, alcune recenti ed altre realizzate appositamente per il pubblico milanese, attraverso le quali Yilmaz dà una visione estremamente suggestiva e moderna della cosiddetta tecnica "underglazing", ovvero della pittura su ceramica protetta a sua volta da uno strato di smalto.

I soggetti sono perlopiù i divi del cinema europeo degli anni ’60 e ‘70, in primis Alain Delon e Claudia Cardinale, ma anche Ornella Muti, per la quale ha una vera e propria predilezione, fino a Nicole Kidman. Nella maggior parte dei casi si tratta di frames estrapolati dalle sequenze cinematografiche, come nel caso dei bellissimi ritratti della Kidman derivanti da "The Others".
 
Diplomatosi presso il Ceramics Department of Fine Arts Faculty della Anatolian University in Eskisehir, dal 2009 Yilmaz è a capo del Ceramic Department e direttore del Fine Arts Institution della Karatekin University in Çankiri. Scrittore di numerosi saggi sulla ceramica, ed in particolar modo proprio della tecnica "undrglazing" che contraddistingue la sua produzione, in occasione dell’inaugurazione terrà una lecture dal titolo "Underglazing: from stylised adornment to modern painting", un’occasione unica per studiosi ed appassionati di storia della ceramica, ma anche per tutti coloro che intendano approcciare alla cultura turca e lasciarsi sedurre dai suoi colori. In tutte le sue opere, infatti, Yilmaz ama collocare attori ed attrici in scenari tipicamente turchi, impreziositi dalle ben note decorazioni geometriche.

Commenti

Post popolari in questo blog

L’Accademia Teatro alla Scala e PINKSIE THE WHALE presentano un balletto ispirato a Pinksie, la balena rosa.

Nasce a Brescia un nuovo grande Festival di Fotografia.

Visita alla casa-studio di Sauro Cavallini