MNEMOSYNE / MEMORIE - Rudere Project al Castello Chiaramontano di Racalmuto.

Rudere Project giunge a Racalmuto per contribuire alla riapertura delle aree ancora inesplorate del Castello Chiaramontano.

Fino al 25 Dicembre, sarà possibile visitare l’ala sud-ovest del Castello attraverso un percorso di video installazioni, suoni e performance che porterà i visitatori alla scoperta delle aree mai viste della fortezza. Un castello nel cuore del centro storico di Racalmuto, dimora feudale e fortezza di età Chiaramontana, più volte trasformato e destinato a diversi usi nel corso del tempo. Nel XX secolo parte della struttura venne acquistata da privati che la adibirono a residenza; la stessa venne in seguito riusata come archivio storico del Comune. E’ proprio quest’area, teatro di vita e deposito di memorie, che sarà riaperta per la prima volta al pubblico, mostrandosi così com’è arrivata a noi, attraverso le stratificazioni degli usi e del tempo.

L’evento, voluto e patrocinato dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Racalmuto ed in collaborazione con l’Accademia di Belle Arti di Palermo, vedrà gli interventi di alcuni giovani artisti siciliani della Scuola Audio/Video e Multimedia impegnati nel sottile dialogo con i luoghi della memoria.

Progetto e installazioni a cura di Rudere Project

Video a cura della Scuola Audio/Video e MultimediaCostanza Arena, Etrio Fidora, Marcello Messineo, Roberto Salvaggio;

Resident Artists: Francesco Costantino, Federico Lupo;
Sound: Andrea Lo Vato (violino), Andrea Castrogiovanni (Spazio Sensibile), Marina La Placa (Theremin);
Responsabile della comunicazione: Virginia Glorioso

Castello Chiaramontano

Museo dell’Arte Sacra e del Contemporaneo

Racalmuto, Piazza Umberto I
dal 20 al 25 Dicembre – dalle 19:00 alle 01:00
Tel. 0922 948820
Per info rivolgersi a: rudere.project@gmail.com
Rudere Project / Per portare eventi di cultura contemporanea in luoghi insoliti e abbandonati.

Post popolari in questo blog

L’Accademia Teatro alla Scala e PINKSIE THE WHALE presentano un balletto ispirato a Pinksie, la balena rosa.

Nasce a Brescia un nuovo grande Festival di Fotografia.

Visita alla casa-studio di Sauro Cavallini