Tutankhamon, Caravaggio e Van Gogh. La sera e i notturni dagli Egizi al Novecento in mostra alla Basilica Palladiana di Vicenza.

COMUNICATO STAMPA - “Mi piace fare mostre come questa, mai per la voglia di stupire, ma sempre e solo perché la pittura, attraverso la conoscenza, sia l’adesione a un sentimento, ne sia il racconto e non mai la spiegazione. Non desidero spiegare niente a nessuno, ho solo la gioia di mostrare che una finestra di Giorgione, oltre la quale sta il velluto di una notte chiara, io la possa appendere accanto a una finestra dipinta da López García quasi cinquecento anni dopo, quando una tangenziale butta la notte della periferia di Madrid dentro quella stessa finestra aperta. Penso che si possano fare mostre anche così, né migliori né peggiori di altre, ma diverse. Dove, sulla stessa parete, a Bellini non debba per forza succedere Giorgione, e dopo di lui Tiziano. Certo, anche questo, ma non solo. Penso che valga la pena vivere e lavorare in questo modo, dentro alla verità d’ognuno. Dentro all’emozione d’ognuno.”

E’ un brano tratto dal libro che Marco Goldin ha scritto e che è diventato il catalogo dell’esposizione. Un brano che identifica compiutamente il suo modo di essere storico e curatore, il suo modo di pensare a una mostra. Come questa dedicata al tema della sera e della notte nella storia dell’arte, nella quale la novità è l’ingresso della Fondazione Teatro Comunale della Città di Vicenza come Ente Promotore, con il Comune di Vicenza e Linea d’ombra, con il contributo fondamentale della Fondazione Cassa di Risparmio di Verona, Vicenza, Belluno e Ancona. Main Sponsor Segafredo Zanetti, special sponsor UniCredit. Accoglienza turistica a cura del Consorzio “Vicenza è”.

Afferma il Sindaco di Vicenza, Achille Variati: "A due anni dalla sua riapertura, proprio con il primo fortunatissimo episodio della collaborazione con Linea d'ombra, "Raffaello verso Picasso", la Basilica Palladiana può già esibire numeri di primaria importanza: 650 mila visitatori, una pluralità di eventi, mostre, incontri che l'hanno trasformata nel vero cuore culturale della nostra città, e che hanno contribuito a facilitarne l'inserimento, avvenuto quest'anno, nell'elenco dei Monumento Nazionali. La Basilica, edificio simbolo delle architetture palladiane, rappresenta anche la ritrovata vocazione di Vicenza a ripensare il proprio sviluppo in un'ottica innovativa: capoluogo di una provincia fortemente produttiva, oggi la città sta dimostrando come, pur in un periodo di crisi, l'investimento in cultura, creatività, attrattività rappresenti il modo migliore per costruire nuove opportunità di sviluppo per un intero territorio".

Per tornare alla mostra, si tratta di un'esposizione di capolavori, sensazioni, emozioni e simboli. E simbolica non poteva che essere, quindi, anche la data di inizio: il 24 dicembre 2014, la Notte Santa.
Il titolo, “Tutankhamon Caravaggio Van Gogh. La sera e i notturni dagli Egizi al Novecento”, richiama millenni di storia dell’uomo e dell’arte, appuntati in una mostra che indaga una vicenda antica, quella degli Egizi, ma soprattutto poi una seconda storia, dal Quattrocento al Novecento in pittura, lungo il suo versante struggentemente serale e notturno.

Quella in cui alcuni artisti raffigurano una manciata di stelle o un chiaro di luna, come profonde corrispondenze dell’anima. Ma anche la notte come luogo nel quale si raccolgono alcuni grandi passaggi della storia dell’arte. Perché la notte in questa mostra non è solo fascino del naturalismo ottocentesco, da Turner e Friedrich fino agli impressionisti e poi Mondrian e Klee all’inizio del nuovo secolo. Non è solo il luogo in cui meravigliose storie sacre si raccontano, da Giorgione a Tiziano, da Caravaggio a El Greco. Ma è anche una notte fortemente spirituale, interiore, che giustifica così la presenza di straordinari pittori astratti da Rothko a De Staël, da Noland a Morris Louis.

Ben 113 opere, spesso rare, divise in sei sezioni e provenienti da trenta musei e collezioni di tutto il mondo, musicano questo affascinante racconto sinfonico.
Un poema che inizia lungo il Nilo, dove si sedimenta l’idea della notte del mondo oltre il mondo. E’ la notte abitata nel ventre delle Piramidi. Raccontata in mostra da reperti che, da soli, valgono il viaggio a Vicenza. Dal Museum of Fine Arts di Boston giunge per la prima volta in Italia un nucleo di tesori egizi: dal volto del re Menkaura a quello, celeberrimo, di Tutankhamon re bambino sino ai ritratti del Fayum, quando Egitto e Roma si avvicinano, a partire dal I secolo d. C. Questo il grande prologo.

La seconda sezione, con molti capolavori da Giorgione a Caravaggio, da Tiziano a El Greco, da Tintoretto a Poussin, indugia sulla suggestiva atmosfera delle figure collocate in ambienti notturni, soprattutto seguendo la vita di Cristo dal momento della nascita fino alla crocifissione e alla deposizione nel sepolcro. Opere straordinarie soprattutto del Cinquecento e del Seicento sono al centro di questa parte.
La terza sezione tocca alcuni dei vertici dell'incisione di tutti i tempi, in una sala nella quale, con sedici fogli in totale, si confrontano Rembrandt e Piranesi, il primo con i suoi celeberrimi soggetti religiosi, a cominciare dalla Stampa da cento fiorini fino alla visione delle Tre croci, il secondo con le altrettanto celebri immagini delle "Carceri".

La quarta sezione si sofferma invece sul paesaggio, dal momento del tramonto fino a quello in cui nel cielo si levano la luna e le stelle. Ovviamente il secolo raccontato è il XIX, poiché, dal periodo romantico fino all'impressionismo, questo è stato il tempo della natura serale e notturna. Sfilano alcuni dipinti indimenticabili di Turner e Friedrich, di Corot e Millet, dei grandi americani da Church a Homer, fino a Whistler, Monet, Pissarro, Van Gogh e poi Mondrian, Klee e Hopper nella prima parte del Novecento, fino a Kiefer nella seconda.

La penultima sezione entra nel pieno Novecento, dove in due sale vengono disposti alcuni dei grandi della seconda parte del secolo, specialmente per quanto riguarda il versante astratto americano, da Morris Louis a Noland a Rothko. Ma anche pittori che si sono tenuti a cavallo tra figurazione e astrazione, come De Staël, fino a un altro grande americano come Andrew Wyeth, e poi López García e Guccione, per entrare nelle profondità della sera e della notte intesa come fatto soprattutto psicologico.

Infine, la sesta e ultima sezione è un riassunto di tutti i temi affrontati e le opere indimenticabili si succedono, da Gauguin a Cézanne, da Caravaggio a Luca Giordano, da Van Gogh a Rothko ancora. Per una chiusura che lascia con il fiato sospeso, tra notti dello spirito, notti della vita e notti della natura.

A testimoniare – chiosa Goldin - il senso di una notte che non è più soltanto il risultato di un vedere fisico e riproduttivo, ma interiore e determinato dalla profondità psicologica, del sogno e della memoria. In una mostra che, come dice il titolo, vuole avvicinare, ma non accostare, il sentimento che scaturisce dalla fierezza del viaggio nel tempo di Tutankhamon e lo straziato viaggio sotto la luna e le stelle di Vincent van Gogh a Saint-Rémy. Nessuna giunzione stilistica, e non servirebbe nemmeno dirlo, ma il racconto dei modi diversi, anche lontani, entro i quali la notte è stata intesa. Detta. Con un largo compasso storico, appunto dagli Egizi fino al Novecento. La notte è sempre stata la rappresentazione della vita, il suo limite e insieme un culmine che si supera”.


Informazioni e prenotazioni

Linea d’ombra

call center 0422.429999 - www.lineadombra.it 

Ufficio Stampa

Studio ESSECI, Sergio Campagnolo

tel. 049.663499 - info@studioesseci.net

Post popolari in questo blog

L’Accademia Teatro alla Scala e PINKSIE THE WHALE presentano un balletto ispirato a Pinksie, la balena rosa.

Nasce a Brescia un nuovo grande Festival di Fotografia.

Visita alla casa-studio di Sauro Cavallini