Al MAMbo un focus all'interno della Collezione Permanente dedicato a Bruno Pinto

Dal 25 aprile al 24 maggio 2015, il MAMbo dedica a Bruno Pinto un focus all'interno della Collezione Permanente.

Venerdì 24 aprile alle ore 18.00 è previsto un incontro con l'artista alla presenza di Lorenzo Sassoli de Bianchi, di Gianfranco Maraniello - rispettivamente Presidente e Direttore dell'Istituzione Bologna Musei – e del Magnifico Rettore dell'Università di Bologna, Ivano Dionigi



In occasione di questo speciale evento espositivo, Lorenzo Sassoli de Bianchi dona al MAMbo il dipinto Il ceppo, un olio su tela del 1966, particolarmente significativo nell'evoluzione della ricerca di Pinto. Nell'allestimento il dipinto è affiancato da altri quattro lavori degli anni Novanta e Duemila, che in qualche modo lo riprendono e lo rielaborano. Ad anticiparli, non solo cronologicamente, troviamo La prima natura morta (1953), che già mostra una matericità e una densità costruttiva che ritroveremo in seguito. Completano il focus alcuni lavori più recenti e uno slideshow con una selezione di contributi critici.

Nella Sala Conferenze del museo il 24, 25 e 26 aprile verranno proiettati alcuni estratti relativi al progetto di film in 3DNei territori del Diavolo e Della Grazia, di Eugenio Melloni, produzione ASA Audiovisivi, che vedono protagonista Bruno Pinto. 

Post popolari in questo blog

L’Accademia Teatro alla Scala e PINKSIE THE WHALE presentano un balletto ispirato a Pinksie, la balena rosa.

Nasce a Brescia un nuovo grande Festival di Fotografia.

Visita alla casa-studio di Sauro Cavallini