Art for Women – Le donne nutrono il pianeta. Open call di Mostrami per artisti.

Mostrami annuncia l'apertura della Call artistica per l'VIII MostraEvento dedicata alla donna e alla sua valorizzazione : Art for women – Le donne nutrono il pianeta. Giovani artisti - pittori, scultori, street artist, videoartist e fotografi – a favore delle pari opportunità di genere e della valorizzazione della donna

Perché parlare di donna e della sua valorizzazione nel 2014? Non è forse superfluo in un  paese come l'Italia? Purtroppo no. Secondo “Stop al femminicidio”, ogni anno in Italia 120 persone vengono uccise solo perché donne, una ogni tre giorni. In Europa, secondo l'Agenzia per i diritti fondamentali dell'UE, una donna su tre con più di 15 anni è stata almeno una volta nella vita vittima di violenza. Le Nazioni Unite hanno dichiarato che 135 milioni di donne e bambine nel mondo subiscono mutilazioni genitali per credenze legate all'identità di genere (ad esempio, la pratica dell'infibulazione). Eppure le donne sono le nostre madri, le nostre confidenti o le nostre compagne di vita. 

Mostrami vuole parlare del tema attraverso l'arte contemporanea per avvicinare un pubblico trasversale, suscitando riflessioni ed emozioni nuove. Un approccio emozionale che verrà integrato da workshop di esperti e da testimonianze sul tema.

L'evento dal titolo “Art for women – Le donne nutrono il pianeta” si terrà a fine novembre a Milano e non sarà una semplice mostra, ma prevederà diversi momenti artistico-laboratoriali e varie occasioni di approfondimento. La Call è rivolta ad artisti provenienti da tutta Italia e dagli altri paesi dell'Unione Europea. I dieci artisti che verranno invitati a partecipare al progetto saranno coinvolti in una cinque giorni in cui da un lato avranno modo di confrontarsi tra loro e dall'altro verranno stimolati sul tema. Tutto ciò porterà ad una produzione di opere collettive inedite che verrà effettuata sotto gli occhi degli spettatori. Lo spazio sarà un Art Factory: un luogo ibrido tra esposizione d'arte e centro di produzione artistica. 

Mostrami torna quindi sull'importante tema della valorizzazione della donna, già affrontato nella VI MostraEvento questa volta focalizzandosi sul confronto di esperienze europee e identità culturali diverse.

Pertanto, Mostrami annuncia l’apertura della Call rivolta ad artisti contemporanei per la partecipazione all'Art Factory e alla mostra. Gli artisti che esporranno saranno, inoltre, gli stessi che prenderanno parte alla Art Factory.

Per partecipare, gli artisti, cittadini europei o domiciliati in Unione Europea, dovranno inviare le foto delle opere (da un minimo di 5 ad un massimo di 7, con peso massimo delle foto di 2MB), e una breve descrizione di come vogliano analizzare il tema proposto, nonché il curriculum personale e la scheda di partecipazione allegata al regolamento, disponibile sul sito web di Mostrami, entro e non oltre il 17 ottobre 2014.

Inoltre, tra i 10 artisti che parteciperanno alla mostra, quello più apprezzato dai visitatori riceverà un premio di 500 € in denaro o in natura.

L'evento è co-finanziato dalla Regione Lombardia, è patrocinato dal Comitato per l'imprenditoria Femminile della Camera di Commercio di Milano ed è coordinato da Mostrami Srl Impresa Sociale e Start up innovativa e realizzato in partnership con le Università di Granada e Rotterdam e il polo culturale BAAM di Milano.

Per leggere il testo completo del bando: http://www.mostra-mi.it/main/?p=8921 

Mostrami Srl Impresa Sociale e Start Up innovativa si occupa della promozione della giovane arte contemporanea come driver di sviluppo sociale.
Il progetto nato nel 2010 conta un collettivo di oltre 610 giovani ed emergenti artisti e una community di oltre 23.000 appassionati d’arte contemporanea.

Per ulteriori informazioni:
Sandro Aglialoro
(Responsabile del progetto)
347 38 95 473
info@mostra-mi.it
www.mostra-mi.it

Post popolari in questo blog

L’Accademia Teatro alla Scala e PINKSIE THE WHALE presentano un balletto ispirato a Pinksie, la balena rosa.

Nasce a Brescia un nuovo grande Festival di Fotografia.

Visita alla casa-studio di Sauro Cavallini