Il Testimone di Marialuisa Cortesi allo Spazio Foyer TGT di Forlì

L’ interesse per la fotografia di Marialuisa Cortesi nasce come inevitabile risposta a quanto fatti, persone, natura suscitano nel quotidiano vivere. È un lavoro la cui fatica sarebbe duplice se non fosse svolto. Nessuna autocelebrazione, nessun tecnicismo. Intuizioni, racconti, appunti. Talvolta istanti come fuochi d’artificio. Se nei primi aspetti sperimentali camera off e con le manipolazioni delle polaroid è emersa un'autonomia espressiva ed un segno grafico marcato e deciso, sensibilità favorita dalla sua formazione artistica, negli scatti in digitale emergono archetipi e sintesi concettuali ricchi di tensione. La drammaticità come parte inevitabile della vita insieme all’ incedere del tempo sono considerate una ricchezza cui attingere senza timore.

TESTIMONE si compone di 4 percorsi paralleli: Cuore dell’esposizione è la sezione TESTIMONE: si tratta di un lavoro appropiazionista, in cui Cortesi ha raccolto le immagini dei matrimoni cui ha partecipato, dall'infanzia ad oggi; dunque per lo più un ‘recupero dei reperti’. Le foto sono fatte, spiega Cortesi, “da fotografi che si definiscono ‘professionisti’ ; io non sono il soggetto principale sebbene sia il legante tra tutte le immagini a volte in posa altre colta casualmente”. Il risultato è un’installazione che può essere riassunta come album del mio non matrimonio.
Poi CIRCUS, che comprende 8 scatti visionari di un circo infuocato; 18/7 (10 scatti, sequenza di una evaporazione estiva); MOLTEPLICE (3 scatti estrapolati del Leica Talent 2012).

Testimone
Forlì () - dal 14 marzo al 20 aprile 2013
Spazio Foyer TGT
Viale Amerigo Vespucci 13 (47122)
+39 0543722456
teatrotestori@elsinor.net

info per orari apertura
teatrotestori@elsinor.net
tel. +39 0543 722456
http://www.elsinor.net/

Commenti

Post popolari in questo blog

L’Accademia Teatro alla Scala e PINKSIE THE WHALE presentano un balletto ispirato a Pinksie, la balena rosa.

Nasce a Brescia un nuovo grande Festival di Fotografia.

Visita alla casa-studio di Sauro Cavallini