Sabino Gesmundo - Una rilettura 1965-2011

Mostra delle opere dell’ artista terlizzese Sabino Gesmundo presso la Pinacoteca "Michele de Napoli" e ADSUM artecontemporanea dal 15 al 27 marzo 2013. La mostra, che è a cura di Luigi Dello Russo e famiglia Gesmundo, riceve il Patrocinio del Comune di Terlizzi.

Ancora Sabino Gesmundo? Sì… per due e complessi motivi. A distanza di circa un anno vengono proposte altre e diverse opere dell’ artista terlizzese scomparso il 16 maggio del 2011.

Queste le motivazioni.
Per ricordarlo nel feroce massacro delle Fosse Ardeatine, in cui fu barbaramente ucciso lo zio Gioacchino insieme all’ altro martire terlizzese don Pietro Pappagallo. Evento che gravò sulla psiche e sulla mente del Nostro, tanto da rifiutare nella complessità e varietà iconografica della sua arte la figura umana per lasciare spazio invece alla natura e alle sue manifestazioni fenomeniche e noumeniche.

Per approfondire la conoscenza del suo percorso artistico, che nel suo divenire risulta articolato nel tempo e multiplo nella sua resa estetica. Ma in questa nuova esposizione, si è preferita una nuova chiave di lettura: evidenziare l’evoluzione formale all’interno delle singole aree tematiche specifiche della sua produzione. Da qui l’indagine dello sguardo sugli elementi, nello specifico della matericità pittorica e coloristica, funzionali ai temi iconografici presenti nella sua produzione, quali la natura morta, i galli, gli ulivi o solo piedi dei tronchi, i fiori, i cespugli e i loro riflessi di luce, le acque e gli stagni, i paesaggi con pochi alberi e folti boschi. Allo stesso tempo va individuato uno studio attento ed analitico del Nostro sui movimenti artistici del secolo, da intendere come aggiornamento alle tendenze d’avanguardia che avevano modificato, dopo secoli, tutta la storia dell’arte: nello specifico dal cubismo al neorealismo, dall’espressionismo al surrealismo fino all’informale materico.

Tutto questo alla Pinacoteca DE NAPOLI di Terlizzi. Alla Galleria ADSUM artecontemporanea, invece, accanto a circa venti opere ad olio e acquerello, l’oggettivistica in ceramica. Quest’ultima fu una passione secondaria, ma rivelatrice di un profondo amore per Terlizzi e la sua storia, di cui la lavorazione della creta fu ed è parte non secondaria della sua civiltà economico-artistica, purtroppo non ancora adeguatamente valorizzata o del tutto trascurata. E proprio da questo amore nacque un’intesa creativa con la fornace della famiglia D’Aniello per la quale creò una lettura personale del decoro specifico dei piatti terlizzesi: il gallo vitale… e della cui produzione collezionò piccoli prototipi di oggetti di grande perfezione formale da sembrare usciti dalle opere del nostro Morandi: in tal modo i manufatti e la loro rappresentazione, la realtà e l’immaginario visivo si identificavano. Grazie Sabino.
Luigi Dello Russo

"Sabino Gesmundo - Una rilettura 1965-2011"
Patrocinio del Comune di Terlizzi
A cura di Luigi Dello Russo e famiglia Gesmundo
Sedi espositive : Pinacoteca "Michele de Napoli" e ADSUM artecontemporanea
 
Vernissage delle mostre venerdì 15 marzo 2013 ore 19,00 Pinacoteca e ore 20,00 ADSUM arte
 
A D S U M Artecontemporanea                                         Pinacoteca MICHELE DE NAPOLI
via Marconi, 5 (Palazzo della Meridiana) – Terlizzi (BA)       C.so Dante n.9 Terlizzi (BA)
visitabile dal 15 al 27 marzo 2013
orario:ADSUM artecontemporanea
dal lunedì al sabato dalle ore 10.00-12.30 18.30- 20.30 chiusura giovedì pomeriggio e festivi.
Orario: Pinacoteca MICHELE DE NAPOLI martedì/sabato ore 10.00-13.00 venerdì/sabato ore 16.00-19.00.
www.retearte.it - adsum.arte@libero.it Tel. 3476502478 
www.pinacotecadenapoli.com tel.080 3542836

Commenti

Post popolari in questo blog

L’Accademia Teatro alla Scala e PINKSIE THE WHALE presentano un balletto ispirato a Pinksie, la balena rosa.

Nasce a Brescia un nuovo grande Festival di Fotografia.

Visita alla casa-studio di Sauro Cavallini