Erratico di Simone Turra alla Fondazione Mudima

La Fondazione Mudima presenta nella propria sede milanese la mostra personale di Simone Turra, estendendo così il discorso già avviato nel 2012 quando l’artista presentò alcune opere di grandi dimensioni nei propri spazi espositivi. La mostra si compone di una quindicina di sculture di medie e grandi dimensioni e di alcuni disegni che abbracciano gli ultimi anni di attività dell´artista trentino e si concentra su un nuovo e inedito gruppo di lavori che riuniscono materiali diversi come legno, pietra, marmo e bronzo. Un catalogo riccamente illustrato e un testo critico di Gianluca Ranzi documentano la mostra , che potrà essere visitata sino al 6 marzo 2015 

Simone Turra rinnova il linguaggio scultoreo non attraverso le lusinghe della multimedialità contemporanea, ma operando una rivisitazione del genere a partire dal suo interno, ripensando i fondamenti della sua natura e innervandoli di nuova linfa. I fondamentali della scultura sono ovviamente il volume con la definizione della massa e del chiaroscuro tridimensionale e lo sfruttamento delle potenzialità plastiche della materia. Simone Turra parte da questi elementi per arrivare a una definizione plastica della figura che non finge di rinunciare alla massa e alla tridimensionalità, ma ne offre una versione autonoma ed originale. 

Le sue figure umane, allungate sui tavoli o appese in stato di rilasciamento muscolare, definiscono longitudinalmente e in profondità lo spazio circostante e con esso entrano in dialogo serrato. Sono figure vicine alle forme e all’energia primordiale della natura stessa: tronchi possenti dai rami nodosi che si allungano verso il cielo come busti dalle braccia protese, radici spezzate come piedi giganti che sostengono la massa ma fanno anche provare il senso della vertigine della caduta e della possibilità della mancanza di equilibrio, o strutture geometriche che si sforzano di contenere l’incontenibile, la difformità della natura che è incapace di conformarsi a un ideale di contenimento plastico.

Il risultato trova una sua forza straordinaria in un linguaggio la cui essenzialità espressiva non ha moto centripeto ma centrifugo: è una scultura che guardando a se stessa e alle fonti della vita naturale è erratica, si allarga nello spazio tridimensionale e lo supera fino a toccare un orizzonte esistenziale. 


Nato a Transacqua (Trento) il 6 agosto 1969. Frequenta dal 1983 al 1988 l’Istituto d’Arte di Pozza
di Fassa (Trento), si diploma in scultura nel 1992 all’Accademia di Belle Arti di Brera (Milano)
vive e lavora come scultore a Tonadico di Primiero (Trento).

Simone Turra - Erratico
FONDAZIONE MUDIMA
Milano - dal 12 febbraio al 6 marzo 2015
Via Alessandro Tadino 26 (20124)
+39 0229409633 , +39 0229401455 (fax)
info@mudima.net
www.mudima.net

Post popolari in questo blog

L’Accademia Teatro alla Scala e PINKSIE THE WHALE presentano un balletto ispirato a Pinksie, la balena rosa.

Nasce a Brescia un nuovo grande Festival di Fotografia.

Visita alla casa-studio di Sauro Cavallini