‘Italia Metafisica’ di George Tatge: una mostra di segni, simboli e geometrie sacre, ispirate dall’Italia ‘costruita’, marcata e modificata dall’intervento umano.

A Villa Bardini dal 22 febbraio al 22 marzo per iniziativa della Fondazione Bardini Peyron e dell’Ente Cassa di Risparmio di Firenze, coi patrocini del Comune di Firenze e del Consiglio Regionale della Toscana e il contributo di BassmArt, del gruppo Bassilichi, sarà possibile visitare la mostra ‘Italia Metafisica’ di George Tatge. Il curatore è Diego Mormorio

Nelle 66 immagini esposte vediamo non solo l'architettura, ma anche edifici minori e manufatti di ogni tipo che l’uomo lascia dietro di sé. Metafore e misteri dell'abitare temporaneo nei luoghi, e dell'inevitabile passaggio oltre. Dopo la mostra ‘Presenze-paesaggi italiani’, inaugurata sempre a Villa Bardini nel 2008 e dedicata alle trasformazioni del paesaggio italiano, Tatge ci propone una nuova serie di fotografie, anche questa volta scattate in giro per l'Italia, sul tema delle tracce che l’uomo genera e produce, talvolta abbandona.

"La sequenza delle fotografie di Tatge – scrive nel catalogo Carlo Sisi - ci appare nel definitorio e trasfigurante bianco e nero cui il maestro ci ha da tempo abituati. Mi sembra che il significato di questo viaggio italiano manifesti davvero la convinzione poetica che l’antico, il moderno, il futuro convivano in unità creative di appartato coinvolgimento e che il deposito figurativo della storia debba essere usato come eredità, come un materiale da inventare, perennemente nuovo. Per questo i brani di città e di paesaggio, estratti come fossero parole espressive da una celebre pagina per consegnarle all’enigma metafisico dell’estraniamento, riassumono effettivamente la poetica e la tecnica di George Tatge: anticonvenzionale esteta della marginalità, archeologo delle nostre recenti sconfitte, ‘artiere’ (come piaceva al Novecento metafisico) di una realtà immaginata e vera a un tempo".

Inaugurazione sabato 21 febbraio 2015, ore 17.00

Villa Bardini
Costa San Giorgio 2 Firenze
Orario: da martedì a domenica 10.00 – 19.00 (ultimo ingresso alle ore 18.00) - Chiuso i lunedì feriali.
Visita gratuita con pagamento del solo ingresso

Post popolari in questo blog

L’Accademia Teatro alla Scala e PINKSIE THE WHALE presentano un balletto ispirato a Pinksie, la balena rosa.

Nasce a Brescia un nuovo grande Festival di Fotografia.

Visita alla casa-studio di Sauro Cavallini