La collezione Amata da Bassano a Longhi in mostra nel Palazzo Ducale dei Castromediano di Cavallino di Lecce

Sabato 26 settembre alle ore 19 nel Palazzo Ducale dei Castromediano di Cavallino di Lecce, verrà inaugurata la mostra "La collezione Amata da Bassano a Longhi". 

Curata da Francesco Petrucci, Conservatore del Museo del Barocco romano di Palazzo Chigi in Ariccia, la rassegna, promossa dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Cavallino, grazie all’impegno dell’Assessore alla cultura On.le Gaetano Gorgoni e alla collaborazione del Principe Fulco Ruffo di Calabria, si pone in continuità ideale delle mostre Dipinti del Barocco romano da Palazzo Chigi in Ariccia, Dipinti tra Rococò e Neoclassicismo da Palazzo Chigi in Ariccia e da altre raccolte, Ritratto e figura. Dipinti da Rubens a Cades, tenutesi a Cavallino nel 2012, nel 2013 e nel 2014.

La collezione di dipinti antichi di Pier Luigi Amata, medico e chirurgo plastico, costituisce una delle più interessanti raccolte private italiane di nuova formazione, non solo per il taglio trasversale rispetto alle scuole regionali e agli indirizzi stilistici emergenti in vari momenti storici - privilegiati invece da numerosi altri collezionisti italiani -, ma anche per l’interesse accordato con ugual peso a tutti i generi pittorici. Sono presenti infatti nella raccolta, oltre a composizioni multi figurali di soggetto sacro e profano, anche ritratti reali e allegorici, nature morte, paesaggi e scene di genere, senza indirizzi selettivi di stile e preoccupazioni di geografia artistica. 

Se il nucleo principale è costituito da opere di artisti italiani o attivi in Italia tra il XVI e il XVIII secolo, non mancano tuttavia alcune presenze esterne, mentre sono assenti bozzetti ed elaborazioni di studio per affreschi e pale d’altare, a differenza di altre collezioni private italiane. Si tratta insomma di tutte opere concluse o aspiranti ad una univocità, mancanti cioè di qualsiasi connotazione propedeutica o di memoria a fatti artistici esterni.

La collezione, sviluppatasi a partire dagli anni ’90 del secolo scorso, ha avuto un precoce riconoscimento istituzionale con la mostra tenuta nel 2005 a Roma, nella prestigiosa sede di Palazzo Venezia, a cura di Claudio Strinati, allora Soprintendente per il Polo Museale Romano (La Ricerca della Natura. La Collezione di Pier Luigi Amata, 10 giugno - 17 luglio 2005). La mostra si avvaleva anche di un prestigioso comitato scientifico formato da valenti studiosi, tra cui Daniele Benati, Alberto Cottino, Filippo Maria Ferro, Dieter Graf, HerwarthRöttgen, John T. Spike

Tuttavia, a soli dieci anni da quell’evento, la collezione Amata ha conosciuto un consistente incremento di opere, soprattutto nel senso della qualità, accompagnando una maturazione di gusto estetico e di sensibilità artistica del suo artefice. 

La mostra di Cavallino presenta numerose opere per la prima volta esposte al pubblico o totalmente inedite, assieme ad altre costituenti il nucleo storico della collezione. Si tratta di un selezione di ben 40 dipinti dei circa 130 che costituiscono oggi la raccolta.

Tra i cardini della collezione la sensuale Venere caravaggesca, opera non esente dall’influsso tizianesco e neo veneto, eseguita da Giovanni Antonio Galli detto “Spadarino”, artista citato dall’archiatra pontificio Mancini come uno dei quattro seguaci diretti della “schola del Caravaggio”, assieme a Cecco del Caravaggio, Manfredi e Ribera

È certamente un capolavoro degno di un grande museo lo straordinario Erminia fra i pastori di Pietro Testa, artista raro e talentuoso, noto soprattutto attraverso la sua produzione grafica. Un altro soggetto della Gerusalemme Liberata del Tasso, poema epico in gran voga nel primo Seicento, è illustrato da un inedito vertice giovanile del pittore emiliano Alessandro Tiarini, raffigurante Erminia disperata che crede Tancredi morto.

Due importanti dipinti di soggetto sacro e profano di Alessandro Turchi detto l’Orbetto, il massimo pittore veronese del ‘600 attivo prevalentemente a Roma, aggiungono ulteriori novità alla selezione. 

Sono presenti in mostra ritratti di specialisti nel genere, tra Cinquecento e Settecento, come Girolamo da Carpi, Leandro Bassano, Benedetto Gennari, Jacob Ferdinand Voet, Pietro Longhie Giuseppe Bonito. Notevole il prezioso ritratto su rame di gentiluomo, un unicum nella produzione del geniale pittore caravaggesco Tanzio da Varallo

La pittura di figura è illustrata da tele seicentesche di Giovanni Baglione, Filippo Tarchiani, François Perrier, Cesare Dandini, Paolo Biancucci e Giovan Battista Merano, oltre al citato Orbetto, mentre il primo Settecento romano è rappresentato da Ludovico Mazzanti e Sebastiano Conca.

Si inquadrano nella pittura di paesaggio e veduta, comprese scene di genere, i dipinti di Antonio Tempesta, FransFranken II, Cornelis Van Poelenbourgh, Frederick De Moucheron, Jean Baptiste Forest, Pietro Mulier detto il Cavalier Tempesta, Charles Grenier Lacroix, tra cui spiccano due piccoli e preziosi gioielli: il Paesaggio con natura morta di Pietro Paolo Bonzi e il Paesaggio con Mercurio ed Arg, dipinto su rame dal maggiore paesaggista del Seicento, il francese Claude Lorrain.

La sezione finale della mostra è dedicata alla natura morta, con opere di Tommaso Salini, Orsola Maddalena Caccia, Hans Van Essen, François Habert, Nicolas Baudesson, Giuseppe Recco, Carlo Manieri, oltre al misterioso “Maestro SB” o Pseudo-Salini e all’anonimo “Maestro del dipinto Colonna”.

La mostra è accompagnata da un catalogo, curato da Francesco Petrucci e pubblicato da De Luca Editori d’arte.




Sotto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica
La collezione Amata Da Bassano a Longhi

Mostra a cura di: Francesco Petrucci
Luogo: Cavallino di Lecce
Sede: Palazzo Ducale dei Castromediano, via Mario Gorgoni
Inaugurazione: 26 settembre 2015, ore 19
Durata: dal 26 settembre al 13 dicembre 2015
Orari: 9,30-12,30/16,30-20,00, chiuso il lunedì
Ingresso libero

Segreteria organizzativa: Ufficio Cultura 0832 617210 - 366 6385829
ufficiocultura@comune.cavallino.le.it
Info e prenotazione visite guidate: 320 7075429



Evento segnalato da 
Ufficio stampa
Lia De Venere
ad.artes@fastwebnet.it

Post popolari in questo blog

L’Accademia Teatro alla Scala e PINKSIE THE WHALE presentano un balletto ispirato a Pinksie, la balena rosa.

Nasce a Brescia un nuovo grande Festival di Fotografia.

Visita alla casa-studio di Sauro Cavallini